Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
SOS centrocampo, Aramu e Diaw. 5 frammenti di un pomeriggio da horror al San Nicola
domenica 26 novembre 2023, 20:00In Primo Piano
di Antonio Testini
per Tuttobari.com

SOS centrocampo, Aramu e Diaw. 5 frammenti di un pomeriggio da horror al San Nicola

La partita di ieri al San Nicola rappresentava il primo grande test per il Bari targato Marino. Già dalla mattina il clima non lasciava presagire nulla di buono, con un diluvio che si è abbattuto sulla città, martellando anche il manto erboso dell’astronave. Alla fine, è maturato un pesante – forse eccessivo – 0-3 per gli ospiti che ha segnato la prima sconfitta per Marino sulla panchina biancorossa. Di seguito alcuni fotogrammi del pomeriggio da horror del San Nicola

IL FORFAIT DI DIAW – Prima del fischio di inizio da parte di Collu, per Marino e tifosi è arrivata la prima botta: a causa di un problemino fisico, Davide Diaw si è accomodato in panchina. L’infortunio dell’attaccante ex Modena è stata la prima cattiva notizia di un pomeriggio che sarebbe stato poi pessimo. La sua assenza ha privato il Bari del suo attaccante di peso e punto di riferimento per la squadra. In panchina solo per onor di firma, Diaw non è nemmeno entrato nonostante lo svantaggio, dando pista al giovanissimo Akpa-Chukwu.

LA PARTITA DI ARAMU – Il posto dell’assente Diaw è stato preso da Mattia Aramu. Il fantasista è risultato assolutamente impalpabile. Quella di ieri sa molto di ultima occasione sprecata da parte di un giocatore arrivato a Bari per far fare il salto di qualità alla squadra, ma che finora non è mai riuscito a trovare una sufficienza. Al momento attuale è francamente difficile immaginare di rivederlo titolare.

L’INFORTUNIO DI PUCINO – In queste prime settimane sotto la gestione di Marino, una delle note maggiormente liete era stato il rendimento di Raffaele Pucino reinventato come braccetto di destra. Ma ieri in occasione del gol dello 0-2 per il Venezia, Pucino è rimasto a terra a lungo, venendo poi portato via dalla barella. Immagini dure, immagini che in questa stagione sono state già viste dai tifosi del Bari con il suo omonimo Raffaele Maiello. Un infortunio di lungo corso per Pucino sarebbe davvero una brutta notizia per Marino che sarebbe costretto a cambiare le carte in tavola ancora una volta.

LA TENUTA DIFENSIVA – Che il Bari faccia fatica a fare gol non è certo una notizia. Ciò che aveva tenuto a galla i biancorossi, finora, era stata la buona tenuta difensiva. Una compattezza che è andata scemando nelle ultime due uscite in campionato. 3 gol subiti in trasferta contro la Feralpisalò, 3 ieri contro il Venezia. 2 partite consecutive con 3 reti al passivo, tante quante ce ne erano state in tutto lo scorso campionato: a Ferrara e Genova contro Spal e Genoa; mai era avvenuto in casa. Sono numeri che danno la misura di quanto sia delicata la situazione.

SOS CENTROCAMPO – Lo ha chiarito nel corso di questa settimana anche il direttore sportivo Ciro Polito: la priorità per il mercato di gennaio sarà il play che possa sostituire Maiello. Va detto che allo stato attuale delle cose, il Bari sembra avere un grosso problema a centrocampo. Se, però, in un momento in cui sono assenti sia Maiello che Acampora, non si riesce a dare minuti né ad Astrologo né a Faggi né ad Edjouma è lecito farsi delle domande sulla bontà della campagna trasferimenti portata avanti nella sessione estiva.