Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
Bari, il centrocampo non esiste. Le mezzali? Inconsistenti. Le possibili svolte tattiche
domenica 25 febbraio 2024, 15:00In Primo Piano
di Antonio Testini
per Tuttobari.com

Bari, il centrocampo non esiste. Le mezzali? Inconsistenti. Le possibili svolte tattiche

Se c'è un difetto che da sempre appare piuttosto evidente nella costruzione della rosa del Bari di quest'anno è la totale assenza di mezzali di inserimento. Ha contribuito anche il fattore sfortuna, visto il grave infortunio patito da Ilias Koutsoupias, titolare nella prima parte di campionato sia con Mignani che con Marino. Tuttavia, il suo infortunio è avvenuto nei primi giorni di gennaio e dunque ci sarebbe stato il tempo per procedere ad una sostituzione. Ciro Polito, invece, ha optato per una scelta conservativa, decidendo di trattenere in rosa Gennaro Acampora, provando a rilanciarlo. 

Ma Acampora è solo una parte del problema a centrocampo. Le mezzali a disposizione di Iachini sono le seguenti: Acampora, Edjouma, Lulic, Maita, più eventualmente Benali. Nessuno di questi giocatori presenta caratteristiche di inserimento, di accelerazione e di cambio di passo. Sono tutti calciatori piuttosto simili tra loro. Quando la palla arriva tra i piedi di Benali in mezzo al campo si assiste sempre ad una staticità da parte dei suoi compagni che è preoccupante.

L'acquisto di Lulic a gennaio diventa sempre più misterioso. Nelle due occasioni in cui sono stati assenti Benali (a Palermo) e Maita (a Bolzano), sia Marino che Iachini gli hanno preferito un giocatore ai margini del progetto come Acampora. Bocciato in due occasioni su due, da due allenatori diversi, in favore di un giocatore assolutamente impalpabile. Questo prova che il centrocampista croato, evidentemente, non ha ancora del tutto assorbito i problemi fisici e di condizione che lo hanno tenuto fuori per tutta la prima parte di stagione. 

Vista l'assenza di mezzali, vista la presenza di diversi mediani in rosa, potrebbe non essere una brutta idea quella di passare a uno schieramento di gioco che preveda un centrocampo a due. Se un 4-2-3-1 con Kallon, Sibilli e Menez potrebbe risultare troppo offensivo in questa fase, si potrebbe almeno optare su un 4-4-2 che consenta di sviluppare il gioco maggiormente sulle fasce e che mascheri l'assenza di qualità e inserimento in mezzo al campo. Iachini valuterà, di certo serve un'idea.