Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / bari / Serie B
Il bilancio alla sosta, Brescia: giovani in vetrina. Gli infortuni limitano l'asse centraleTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 19 novembre 2022, 11:49Serie B
di Tommaso Maschio

Il bilancio alla sosta, Brescia: giovani in vetrina. Gli infortuni limitano l'asse centrale

La Serie B in questo fine settimana osserverà un turno di pausa per le pause delle amichevoli delle varie Nazionali, siano esse impegnate in Qatar e siano invece non qualificate. Una pausa che permette di fare un primo bilancio stagionale, dopo 13 giornate, sull’andamento delle 20 squadre del campionato cadetto.

Brescia

Cosa va – Agli occhi risalta il rendimento interno visto che le Rondinelle al Rigamonti sono imbattute, unica squadra col Frosinone a non aver mai perso in casa, con tre vittorie e tre pareggi. Anche la flessione delle ultime settimane non ha inciso su questo dato che permette così al Brescia di restare ancorato alla zona play off. Altra nota positiva è il rendimento dei giovani, specialmente nel reparto offensivo, con i trequartisti Giacomo Olzer e Nicolas Galazzi che si stanno mettendo in mostra per giocare, assist e gol, e Flavio Bianchi che si è dimostrato più volte letale subentrando dalla panchina. Infine la crescita di Fran Karacic, terzino sinistro che vedremo nelle prossime settimane impegnato in Qatar con la maglia dell’Australia.

Cosa non va – In attesa di capire se ci saranno ripercussioni sulla squadra a causa della situazione societaria, con le dimissioni del presidente Cellino, al momento in casa bresciana stanno mancando un po' le punte di diamante. In difesa Andrea Cistana è stato limitato da problemi fisici che gli hanno permesso di raccogliere appena cinque presenze, in mezzo al campo invece Viviani ha fatto poco meglio senza tuttavia riuscire mai a insidiare Van de Looi in cabina di regia, mentre in attacco Ayé ha dimostrato solo a sprazzi di essere quello di due anni fa che fece le fortune proprio di Clotet. Manca dunque un asse centrale stabile che possa sostenere tutta la squadra. Infine anche le corsie difensive, soprattutto ora che Karacic sarà via, appaiono un po' deboli nelle alternative.