Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / bologna / Serie A
Pioli racconta: "L'esonero è sempre ingiusto. L'unico che aveva ragione era Zamparini"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 4 dicembre 2022, 23:32Serie A
di Dimitri Conti

Pioli racconta: "L'esonero è sempre ingiusto. L'unico che aveva ragione era Zamparini"

Cos’è l’esonero per Stefano Pioli? Risponde l’allenatore del Milan, ospite negli studi di Sky Sport, citando anche un aneddoto risalente a Palermo, con dentro Zamparini: “Come ti arriva, è una mazzata. Ti impediscono di portare avanti o concludere qualsiasi lavoro e all’inizio ho sempre ritenuto ingiusti tutti, salvo quello di Palermo. Passato il dolore, provi a spiegarti i motivi e decidi le cose da portarti avanti e quelle no”.

Com’è andata a Palermo?
“Venimmo eliminati dal Thun ai preliminari di Europa League, con due pareggi da favoriti. Quindi c’erano già difficoltà, dovevamo giocare a Novara sul sintetico e io in pratica non mi ero inserito nell’ambiente. Sarà che la squadra veniva da una finale di Coppa Italia persa un mese prima, sarà che c’era un nucleo da cambiare, ma sentivo di non essere entrato nella testa dei giocatori. Quindi Zamparini mi dice che c’era sciopero e non si giocava la prima di campionato. Gli dico di fare un’amichevole, mi dice che ci aveva già pensato lui, con il Napoli. Lavezzi, Cavani, Hamsik… Perdiamo 3-1. Poi torno al centro sportivo, vedo telecamere e giornalisti… I magazzinieri, entrato dentro, mi abbracciano. Mi chiama il presidente e mi raggiunge da Mondello, durante un aperitivo assieme mi ha detto che aveva delle sensazioni e che mi avrebbe esonerato comunque, alla prima sconfitta. Meglio farlo subito e avrei trovato squadra, gli ho detto che aveva ragione. Un mese dopo mi ha chiamato il Bologna e sono ripartito. Lui è stato così corretto e diretto che ci siamo continuati a sentire per tanto tempo”.