Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / News
Sanna: "Le voci su Dossena fanno male. Sarebbe bene spiegare perché il Cagliari deve sempre cedere i pezzi più importanti"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 14:45News
di Paola Pascalis
per Tuttocagliari.net

Sanna: "Le voci su Dossena fanno male. Sarebbe bene spiegare perché il Cagliari deve sempre cedere i pezzi più importanti"

Vittorio Sanna ha parlato così del Cagliari sul proprio canale YouTube: "Non vediamo ancora la costruzione della squadra e aspettiamo ancora l'allenatore, mentre assistiamo alle voci di tante partenze: quando vediamo Dossena accostato ad un'altra squadra ci fa un po' male. Ogni volta che abbiamo un calciatore che supera il limite della decenza e finisce per essere sufficiente o buono, ecco che il calciatore, invece di essere tenuto, viene ceduto. Con l'arrivo, in un reparto complicato come la difesa, di qualcun altro che magari diventerà anche più bravo, ma che comunque per diventarlo ci metterà del tempo. Siamo sempre al punto di partenza: non avere una continuità, anche tecnica, che ci permette di poter pensare che lo sviluppo della squadra non avvenga in un solo anno, ma in 2-3 stagioni, senza muovere le pedine che crescono e diventano fondamentali.

Sono scelte, ma quando si rilasciano le interviste bisognerebbe anche spiegare perché si adotta quella linea perché poi è troppo facile andare a non capire i motivi per cui la gente non è felice. Probabilmente perché non combaciano le scelte con le aspettative di una parte di pubblico, cioè quelle di avere un programma, per quanto non così ambizioso da andare in Champions League, ma che faccia almeno crescere la squadra con quelle che sono le strategie che si adottano. Sarà bene in futuro spiegare per quale motivo il Cagliari è costretto ogni volta a cedere i pezzi più importanti".