Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / championsleague / Serie A
Napoli, fattore Osimhen. Nelle gare interne di Champions meglio solo Haaland e MbappeTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 22 febbraio 2024, 10:08Serie A
di Luca Bargellini

Napoli, fattore Osimhen. Nelle gare interne di Champions meglio solo Haaland e Mbappe

È stato un rientro in grande stile quello di Victor Osimhen nell'universo Napoli, da pochissime ore affidato dal presidente Aurelio De Laurentiis nelle mani di Francesco Calzona, erede a sorpresa di Walter Mazzarri. Un gol messo a segno al Barcellona di Xavi che vale altri 90' di speranza in vista del passaggio ai quarti di finale di Champions League, ma non solo.

VICTOR COME ERLING E KYLIAN - La rete realizzata al 30' del secondo tempo di ieri sera al 'Maradona' è, infatti, la sesta realizzata dal nigeriano nelle ultime sei gare della massima competizione continentale per club disputate nell'impianto di Fuorigrotta. Un rendimento superato, prendendo in esame il recente passato quindi questa e la stagione precedente, solo da Erling Haaland con 12 gol all'Eithad Stadium di Manchester e Kylian Mbappe con 9 al 'Parco dei Principi', casa del PSG.


L'EREDE DI LORENZO IL MAGNIFICO - Se servisse un ulteriore riferimento per dare il peso reale del centravanti azzurro nell'universo partenopeo, basta pensare che con il gol di ieri ha raggiungo Lorenzo Insigne come numero di realizzazioni in casa in Champions League. Davanti in tutta la storia del Napoli c'è solo un vero figlio adottivo di "Partenope" come Dries 'Ciro' Mertens che ha raggiunto quota 11.