HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
10.02.2019 09:21 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 55303 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e chi pensa solo a tirate a campare. Al qui e ora.
Aurelio De Laurentiis fa parte della prima categoria. Sembra paradossale dirlo nella settimana in cui ha detto addio Marek Hamsik, ma proprio il centrocampista che per 12 anni è stato il simbolo di questa squadra è l'emblema di un modus operandi che ha permesso al Napoli di elevarsi al di sopra di società che in teoria non avevano meno dei partenopei. Anzi, in alcuni casi 13 anni fa erano molto più avanti.

Quando nella Primavera 2007 il Napoli otteneva la promozione in Serie A lo faceva a braccetto col Genoa. L'anno successivo le due squadre conclusero il campionato a due soli punti di distanza, quello dopo ancora il Genoa arrivò al traguardo con un +22 sul Napoli. Al quarto posto a pari punti con la Fiorentina. Poi, dalla stagione 2009/10, di fatto non c'è stato più confronto ( a eccezione di una stagione): negli ultimi nove campionati è apparsa sempre più palese la differenza tra la squadra di De Laurentiis e quelle di Preziosi e Della Valle. Ma cosa ha fatto la differenza? Cosa ha creato questo solco sempre più profondo? Proprio le mancate cessioni. O quelle definite, quando era proprio necessario vendere, a prezzi fuori mercato.

Gli ultimi dieci giorni - quelli delle feste, dei saluti toccanti e degli apparenti dietrofront - sono serviti anche per voltarsi, tornare alle origini e analizzare. Perché oggi il Napoli viene troppo spesso criticato per non essere all'altezza della Juventus, ma il Napoli - per storia, tradizione e soprattutto fatturato - è molto più vicino al Genoa o alla Fiorentina che ai bianconeri e i calciatori che hanno accompagnato l'avventura partenopea di Hamsik hanno sottolineato un aspetto che troppo spesso viene sottovalutato: "Ogni volta che il Napoli diceva no a Juventus, Milan e Inter per la cessione dello slovacco (per qualche anno il miglior centrocampista della Serie A) noi capivamo di essere nel progetto giusto. Se Hamsik non va via perché dovrei andare via io?".
La volontà di De Laurentiis di trattenere i migliori non è sempre servita per trattenerli. Molti addii li ha evitati, altri li ha rimandati, ma a un certo punto Lavezzi, Cavani e Higuain sono diventati calciatori troppo importanti e ambiziosi per convincerli a restare e hanno preso altre strade. L'hanno fatto dopo lunghi tira e molla, dopo confronti a muso duro, ma sempre soddisfacendo le condizioni di De Laurentiis che quando non poteva evitare la cessione almeno dettava le condizioni. Ed erano condizioni economicamente molto importanti, necessarie per reinvestire in rinnovi e nuovi acquisti. Nello stesso lasso di tempo, pensate invece a quanti calciatori importanti hanno venduto le società della medio-alta borghesia della Serie A e a che prezzo.

In questo senso, proprio l'ultima sessione di calciomercato offre l'esempio più lampante. Marek Hamsik nei primi giorni della prossima settimana diventerà un nuovo calciatore del Dalian Yifang, lascia il Napoli a 32 anni e dopo 12 anni e mezzo. Lo fa per strappare il contratto della vita dopo aver dato il meglio di sé con la maglia azzurra e comunque per 20 milioni di euro.
Qualche settimana prima, Krzysztof Piatek ha invece lasciato il Genoa dopo soli sei mesi. L'ha fatto dopo un girone d'andata da sogno e grazie a un'offerta da 35 milioni di euro. Enrico Preziosi avrebbe potuto creare le sue fortune attorno al centravanti polacco classe '95, ma appena il Milan s'è presentato con un'offerta concreta non è servito poi molto per arrivare alla fumata bianca. Il Genoa l'ha dato via senza pensarci due volte, pur sapendo che il valore di mercato di Piatek è destinato ad aumentare e che fare di tutto per trattenerlo, in fondo, si sarebbe tramutato nella più importante plusvalenza.

Questo parallelo è utile per far capire perché il Napoli nelle ultime sei stagioni sia finito per tre volte al secondo posto. Non solo davanti a Genoa o Fiorentina, ma spesso e volentieri anche a Milan e Inter. Questo poi non vuol dire che De Laurentiis non abbia commesso degli errori, nei fatti ma soprattutto nelle parole. Che sia esente da colpe per successi troppo spesso annunciati e solo sfiorati. Perché se ogni estate dichiari ai quattro venti di voler lottare per lo Scudetto e poi puntualmente arrivi 'solo' secondo per i tifosi hai fallito, perché per chi pensa con le ragioni del cuore un trionfo vale più di dieci piazzamenti anche se sono dieci piazzamenti frutti di scelte spesso indovinate e al di sopra delle tue possibilità. Ma questa è un'altra storia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Genoa-Milan, un sabato di passione. Ultima chiamata per Giampaolo ma l’eventuale sostituto resta un rebus. Ai rossoneri serve un leader alla Ribery. Inter, contro la Juventus  ancora fiducia a Lautaro, Ramsey la chiave tattica di Sarri 05.10 - C’è una partita che vale una stagione o quasi. Dopo 6 giornate di campionato Genoa-Milan è uno spartiacque per Andreazzoli e Giampaolo. Ed è incredibile soprattutto la situazione del Milan Il rendimento dei rossoneri è inspiegabile, 2 vittorie e 4 sconfitte, le ultime 3 consecutive,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510