Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / News
NARDELLA, Governo ci ha aiutato sullo stadio. 55 mln...TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023
lunedì 4 marzo 2024, 11:31News
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

NARDELLA, Governo ci ha aiutato sullo stadio. 55 mln...

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, intercettato dalla stampa tra cui l'agenzia Italpress, ha commentato il recente provvedimento del Governo legato all'estensione tempi per completare restyling dello stadio Franchi. Ecco le sue riflessioni al riguardo: "E' una cosa buona che il Governo sia venuto incontro a una nostra proposta di tre mesi fa per allungare i termini dei lavori. Questa norma generale vale per altri progetti che non sarebbero stati completati nel 2026. Noi però avevamo risolto questo problema, garantendo alla Fiorentina di rimanere sempre a giocare a Firenze. La prossima amministrazione potrà quindi valutare se far giocare la squadra viola al Franchi anche nella stagione 2025/26, anziché al Padovani. Ciò non toglie che si debba creare un clima di incertezza sui lavori e che non si debba andare avanti anche con il Padovani. Non cambierà dunque nulla. Nessun cambio di prospettiva, ma solo una comodità in più. Ci auguriamo a questo punto, visto che l'interlocuzione con il Governo non si è mai interrotta, di riavere indietro i 55 milioni che ci erano stati dati e che poi ci sono stati tolti, trovando una soluzione com'è accaduto per Venezia".

Sulle parole di Marcheschi e l'ipotesi che i 55 milioni non arriveranno dallo Stato: "Con tutto il rispetto per il senatore, vogliamo avere una risposta dal Governo e da quanti hanno la responsabilità di dare un parere su questo tema".