Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Radio FirenzeViola
TIMOSSI A RFV, Retegui sembra Toni: la situazioneTUTTO mercato WEB
domenica 9 giugno 2024, 17:40Radio FirenzeViola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

TIMOSSI A RFV, Retegui sembra Toni: la situazione

rfv
Giampiero Timossi a Radio FirenzeViola
00:00
/
00:00

Il giornalista dell'emittente genovese Tele Nord Giampiero Timossi è intervenuto a "Viola Weekend" su Radio FirenzeViola per fare il punto della situazione su Mateo Retegui: "Le cifre sono vere, magari hanno sfumature differenti. Retegui non è stato messo ul marcato dal Genoa poi come sapete nel calcio nessuno è incedibile me giusto fare valutazioni ma so che lui non è sul mercato a differenza di Gudmundsson che può andare in Premier o all'Inter. Ma la cessione potrebbe essere più complicata di quanto preventivato, una cessione importante è possibile e importante che la faccia per i bilanci. Ma sono altri i giocatori che possono andarsene tra cui il portiere Martinez. Il primo sondaggio viola viola c'è stato a 20 milioni ma il Genoa lo ha pagato 15 milioni per l'attaccante della Nazionale. E' vero che Scamacca è il più in forma ma Spalletti ci punta molto su Retegui che segna e gioca per la squadra. Dunque l'offerta della Fiorentina è strategica per dire che c'è ma in mezzo c'è l'Europeo ed è difficile avvenga qualcosa prima. Se lui dovesse lasciare Genoa per un'offerta irrinunciabili lo farà dopo l'Europeo".

Solo 7 gol non sono pochi? "A Genova non è un problema perché lui ha le maggiori potenzialità tra gli attaccanti italiani. Ha avuto qualche problema fisico perciò ha giocato solo 29 partite ed aveva comunque bisogno di adattarsi e i 7 gol sono arrivati senza rigori perché il rigorista è stato Gudmundsson. Io l'ho paragonato ad altri attaccanti passati per il Genoa, ma mi ricorda Luca Toni che a Firenze conoscete e che ho avuto la fortuna di seguire nei miei anni fiorentini. Me lo ricorda perché Luca aveva la capacità di calciare di destro e sinistro e poi difende sui calci d'angolo a sfavore e questo è una caratteristica dei giocatori moderni"