Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / L'esclusiva
BOROZAN A RFV, Su Milenkovic devono essere abbassate le aspettative. Via da Firenze solo a cifre importantiTUTTO mercato WEB
© foto di Image Sport
domenica 16 giugno 2024, 16:00L'esclusiva
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

BOROZAN A RFV, Su Milenkovic devono essere abbassate le aspettative. Via da Firenze solo a cifre importanti

rfv
Vlado Borozan a Radio FirenzeViola
00:00
/
00:00

L'intermediario di mercato serbo Vlado Borozan è intervenuto ai microfoni di Radio FirenzeViola durante la trasmissione "Viola Weekend" per parlare dell'attualità di casa Fiorentina e in particolare di Nikola Milenkovic. Il centrale serbo sarà impegnato questa sera alle 21:00 contro l'Inghilterra di Hurry Kane. Queste le parole del dirigente a partire da una riflessione sulla nazionale serba: "Abbiamo fatto un passo avanti qualificandoci a mondiali ed europei. Tutti si chiedono perché la nazionale non ha ancora fatto risultati importanti visti i nomi. Però nessuno ha saputo dare ua risposta credibile. E' strano perché la Croazia ad esempio dimostra il contrario. Non sono io quello che sa il motivo ma mi fa ben sperare che stiamo crescendo come squadra. Siamo più compatti e organizzati anche se abbiamo dei problemi a livello difensivo. Questo anche perché il C.T. Stojkovic, da ex centrocampista offensivo, ama un gioco più di attacco prendendosi qualche rischio e questo in grandi competizioni non paga. Stiamo cercando comunque di arrivare ad essere competitivi. Speriamo che in questo europeo dimostriamo di essere maturati". 

Nel 2018 Milenkovic giocò titolare nel mondiale. Oggi si è interrotto qualcosa nella sua crescita?
"Secondo me le aspettative erano forse un po' maggiori di quelle che erano le sue effettive qualità. Rimane un ottimo giocatore ma non un campione. Si è assestato a dei livelli che non accontentavano le aspettative iniziali. Quindi bisogna abbassare le aspettative. E' un calciatore affidabile che sta dando una mano sia ai viola che alla nazionale però probabilmente non sarà mai più di questo. Magari viene criticato perché uno si aspetta un campione. Dobbiamo secondo me aggiustare il tiro nei giudizi". 

Il treno per una crescita anche a livello di club è passato?
"Secondo me alla Juventus, al Milan o all'Inter ci potrebbe stare. La Fiorentina è una società di altissimo livello ma non per vincere il campionato. Se qualcuno si aspettava che Milenkovic vincesse il campionato con la Fiorentina si sbagliava. Lui non va via se non a cifre molto importanti, quindi la situazione è difficile da commentare. E' un giocatore di qualità che ha scelto la Fiorentina e che per questo ha vinto meno di quello che poteva vincere se sceglieva altre squadre. Lui deve aggiungere l'esperienza che potrebbe farne un giocatore anche migliore. Non amo dare giudizi, nel calcio ci sono tanti esempi di giocatori che sono venuti fuori anche più tardi. Su Milenkovic mi riserbo la possibilità di vederlo in futuro tra i top". 

ASCOLTA IL PODCAST PER L'INTERVISTA COMPLETA