Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / fiorentina / Il corsivo
L'Inter è la nuova JuventusTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
mercoledì 22 settembre 2021 08:00Il corsivo
di Ivan Cardia

L'Inter è la nuova Juventus

Ha il tricolore sul petto, ma fosse solo quello. Simone Inzaghi ha definito il 3-1 alla Fiorentina di ieri sera una vittoria "da grande squadra". Un modo come un altro per dire che temeva di perdere, ci è andato vicino e alla fine ha vinto. Di grandi squadre, del resto, ve ne sono tante. Belle perché varie. Ne abbiamo viste di rotonde, brillanti, che dominano sempre e comunque. E poi ci sono quelle che la grandezza l’hanno nell’anima, sono fatte per imporsi, vivono per il successo. In campo mandano uh solo messaggio: alla fine vinceranno, tutto il resto è superfluo. Lo sanno loro, ma soprattutto lo sanno gli avversari. L'Inter di oggi lo è, grande squadra. Gioca bene a calcio, ma non essendo programmata per il tiki taka, lo è anzitutto nella mentalità, perché non mette in conto altro risultato che non sia la vittoria. Per dirla alla francese, una squadra con gli attributi: molto spesso la parte anatomica più importante, persino rispetto ai piedi. Non era scontato: non lo era ieri sera, dopo aver subito una mezz'ora di calcio champagne, che ha prodotto un solo gol. Perché l'Inter al massimo quello ti concede. Non era scontato dopo un'estate così, dopo aver ceduto i due migliori giocatori in rosa. Perché le grandi squadre sono così.

L'Inter è la nuova Juventus. D'altra parte, nella genesi di entrambe c'è indelebile, ineluttabile come la vittoria di ieri sera dei nerazzurri, la firma di un certo Antonio Conte. I bianconeri sono il riferimento temporale più immediato, per quanto replicare un ciclo quel tipo sia difficile anche solo da immaginare: non andiamo troppo in là col tempo. Ma Simone Inzaghi ha tante analogie primo Allegri. Mica per affinità tattiche e nemmeno elettive, bensì in quanto chiamato dopo il gran rifiuto di chi c'era prima. E per il momento sta tenendo dritta la barra. L'Inter è la nuova Juventus, cioè la possibile dominatrice che questo campionato, diventato un po' più mediocre nel corso dell'estate, va cercando. Il termine resilienza è stucchevolmente abusato, ma i nerazzurri hanno quella cosa lì. Aspettano che passi la tempesta, un po' la subiscono ma non se ne fanno scalfire. Fanno divertire gli altri, poi giocano loro e li azzannano. In parte, l’Inter lo era già l’anno scorso, ma adesso ha qualcosa che prima non aveva: ha vinto, sa che è possibile. È una consapevolezza che ha il suo peso. Conte non se lo sta godendo, ne ha lasciato il gusto a Inzaghi. Per lo scudetto ha ragione lui: è ancora presto, i valori tecnici si sono oggettivamente livellati. Però servirà parecchia fatica, per scucirlo dal petto di una grande squadra.
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000