Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Serie A
Fiorentina, Laurienté primo nome per l'attacco. Sottil e Brekalo tra i sacrificabiliTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 29 novembre 2023, 12:15Serie A
di Simone Lorini

Fiorentina, Laurienté primo nome per l'attacco. Sottil e Brekalo tra i sacrificabili

Il Corriere dello Sport dedica oggi ampio spazio al futuro della Fiorentina, volgendo lo sguardo già al mercato di gennaio: per il momento, i due centravanti non sono in discussione. Né Nzola né Beltran (quasi quaranta milioni di spesa la scorsa estate) sono destinati a fare le valige nel corso della sessione invernale e, di conseguenza, non è previsto l’innesto di un altro numero nove che tolga spazio a due elementi già adesso in evidente difficoltà.

Laurienté obiettivo numero uno per l'attacco
L'intenzione della società sarebbe invece andare a cambiare qualcosa sugli esterni, dove peraltro i viola sono ben forniti. Il nome preferito per aumentare la pericolosità dell'attacco è quello di Armand Laurienté. Al momento tra Sassuolo e Fiorentina - che da sempre vantano ottimi rapporti - non è partita alcuna trattativa ufficiale ma è chiaro che contatti e sondaggi stanno andando avanti da tempo.


Ma dovrà essere sacrificato uno tra Sottil e Brekalo
L'eventuale arrivo del francese tuttavia chiamerebbe al sacrificio almeno uno tra Sottil e Brekalo. Il classe ’99 è da mesi un pallino della dirigenza del Sassuolo e potrebbe persino rientrare in uno scambio (con conguaglio a favore dei neroverdi, vista l’alta valutazione - almeno 25 milioni - che viene fatta del francese) mentre il croato, preso a zero euro un anno fa, sarebbe l’elemento più facile da immettere di nuovo sul mercato.