Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Serie A
Fiorentina, il dg Barone ha chiesto garanzie al ministro Abodi sul Franchi: il puntoTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023 @fdlcom
sabato 9 dicembre 2023, 13:08Serie A
di Ivan Cardia

Fiorentina, il dg Barone ha chiesto garanzie al ministro Abodi sul Franchi: il punto

La Fiorentina chiede al Governo di farsi garante del restyling dello stadio Artemio Franchi. È questa, secondo quanto riferito dall'edizione fiorentina de la Repubblica, la richiesta arrivata dal club viola e nello specifico dal direttore generale Joe Barone, in occasione dell'incontro con Andrea Abodi, ministro per lo Sport, avvenuto la settimana scorsa. La società, preoccupata dai tempi, dai costi e da altri aspetti organizzativi legati alla ristrutturazione dell'impianto cittadino, vuole un intervento diretto dell'esecutivo su questo aspetto.

I prossimi passi. Il cronoprogramma per il nuovo Franchi, intanto, prevede step importanti: lunedì si conoscerà l'esito per la prima tranche dei lavori, coperti dai fondi in arrivo dal Pnrr. Seguirà un incontro a tre - Fiorentina, sindaco e governo - in cui si capirà se il bando ha avuto fumata bianca e si capirà quando inizieranno i lavori.


Le due partite. I principali temi che preoccupano la Fiorentina di Commisso sono due. Anzitutto, c'è il tema del campo da impiegare durante i lavori al Franchi: alla società non dispiacerebbe continuare a giocare nello stadio, anche con una capienza limitata. Resta però da superare il termine del 2026, anno previsto inderogabilmente come fine lavori per poter sfruttare i finanziamenti dal Pnrr: per andare oltre, serve appunto un intervento del governo a Bruxelles. Il secondo riguarda i 55 milioni attualmente quantificati da Roma come cifra necessaria a coprire le restanti spese: posto che non arriveranno dal governo, il club toscano vuole capire se si tratta di una stima effettiva o che rischia di salire in futuro, prima di impegnarsi a coprirli.