Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Qatar 2022
Una formazione capace di vincere il Mondiale: la top 11 (e riserve) di chi non si è qualificatoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 19 novembre 2022, 12:00Qatar 2022
di Marco Conterio

Una formazione capace di vincere il Mondiale: la top 11 (e riserve) di chi non si è qualificato

Disegnare un undici Mondiale di chi non ci sarà, ovvero raccontare i migliori calciatori che dovranno guardare il Qatar da lontano perché le proprie Nazionali non sono riuscite a strappare il pass, è dipingere una squadra capace di arrivare potenzialmente anche in finale. Senza esagerare. Perché alcune rappresentative, dall'Egitto alla Norvegia, per dirne due, hanno calciatori straordinari e che sarebbero sicuramente stelle in ogni altra Nazionale in Qatar.

Portieri Due nomi: Jan Oblak, sloveno dell'Atletico Madrid, e Gianluigi Donnarumma, ahinoi italiano del Paris Saint-Germain. Due tra i migliori al Mondo, ça va sans dire.

Terzini A destra Giovanni Di Lorenzo, nazionale azzurro, come alternativa la scelta è Juan Guillermo Cuadrado, colombiano della Juventus. A sinistra la scelta cade certamente su Andrew Robertson, scozzese del Liverpool, l'alternativa può essere il suo connazionale, Kieran Tierney dell'Arsenal.

Difensori centrali Niente Austria, dunque niente David Alaba del Real Madrid. Niente Slovacchia, invece, significa niente Milan Skriniar e l'assenza dell'Italia porta a un Mondiale senza Leonardo Bonucci. Non mancano 'grandissimi' difensori, scegliamo Willy Orban, ungherese.

Centrocampisti centrali Tra i leader dell'Italia, manca certamente Marco Verratti del Paris Saint-Germain. Inseriamo tra le mezzali sui generis l'ungherese del Lipsia, Dominik Szoboszlai. Poi Marcel Sabitzer, austriaco del Bayern Monaco. Chiude il poker Nicolò Barella dell'Inter.

Esterni d'attacco e trequartisti Due dal Liverpool, l'egiziano Mohamed Salah e il colombiano Luis Diaz. Due anche dalla Serie A: il georgiano Kvicha Kvaratskhelia e l'azzurro, della Juventus, Federico Chiesa. Altri due nomi per chiudere questo 4-2-3-1: Riyad Mahrez, algerino del Manchester City e Martin Odegaard, norvegese dell'Arsenal.

Centravanti Senza dubbio il re degli assenti è Erling Braut Haaland, norvegese del Manchester City. Poi il nigeriano di casa Napoli, Victor Osimhen.

Formazione 1 - 4-2-3-1 - Donnarumma; Di Lorenzo, Skriniar, Alaba, Robertson; Verratti, Sabitzer; Salah, Mahrez, Chiesa; Haaland.

Formazione 2 - 4-2-3-1 - Oblak; Cuadrado, Bonucci, Orban, Tierney; Szoboszlai, Barella; Kvaratskhelia, Odegaard, Diaz; Osimhen.