Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Kyle racconta Buchanan: "All'Inter per uscire dalla comfort-zone. Ecco com'è fuori dal campo"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 15 giugno 2024, 13:32News
di Daniele Najjar
per Linterista.it

Kyle racconta Buchanan: "All'Inter per uscire dalla comfort-zone. Ecco com'è fuori dal campo"

Nel corso dell'intervista rilasciata a Sportitalia, l'ex centrocampista della Nazionale femminile del Canada, Kaylyn Kyle, oggi opinionista per la MLS season pass su Apple tv, ha parlato del connazionale Buchanan e dell'entusiasmo che si respira per il suo trasferimento all'Inter. Kyle ha raccontato alcuni aspetti che riguardano la personalità dell'esterno arrivato in nerazzurro lo scorso gennaio, che aiutano a capire meglio la sua mentalità vincente.

A proposito dei giovani di talento: che ne pensi di Buchanan? 

“E’ un calciatore fantastico, ma è una persona ancora migliore fuori dal campo. La sua storia è incredibile. E’ un lavoratore assiduo, ama questo sport, sinceramente. Ed io amo vedere i giocatori uscire dalla loro zona di comfort. C’era una squadra qui che lo voleva, altre gli avrebbero dato la possibilità di rimanere dov’era in Belgio, ma lui era orientato a testarsi in una dei migliori campionati ed in una delle migliori squadre del mondo. Perché poi giocare all’Inter… c’è pressione lì a Milano! Quando non fai bene, la pressione la senti. Poi lo conosco fuori dal campo”.

E com’è, fuori dal campo?

“Lui è timido, non è estroverso, non è un ragazzo da party e feste. Lui è più tipo da allenamenti, cura del proprio corpo, da tornare a casa a guardare calcio in tv. Insomma vedere uno come lui sbocciare è davvero entusiasmante. Perché poi la cosa più importante è che un calciatore così talentuoso. Tecnicamente, tatticamente, a livello di ritmo, di uno contro uno. Io sono di parte perché amo la Serie A, ma davvero è bellissimo vederlo misurarsi lì”.