Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Thuram: "Primi contatti con l'Inter nel 2021, mi sorprese una cosa. Lautaro? Ci troviamo bene"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 17 giugno 2024, 18:10Primo piano
di Yvonne Alessandro
per Linterista.it

Thuram: "Primi contatti con l'Inter nel 2021, mi sorprese una cosa. Lautaro? Ci troviamo bene"

Marcus Thuram, attaccante dell'Inter e della Nazionale francese, in una lunga intervista a France Football ha raccontato a tutto tondo della sua persona. A partire dal legame con l'Italia, paese in cui è cresciuto per la carriera del padre Lilian in Serie A: "Da piccolo i cartoni animati li guardavo in italiano. In casa si parlava francese, ma l'italiano l'ho imparato giocando a calcio con gli amici nei giardini pubblici, nel dopo scuola. E poi, sono cresciuto con la pastasciutta.

Perché soltanto l'anno scorso lo sbarco in Serie A: "Non ho costruito la mia carriera pensando di voler giocare in un determinato posto. Sono cresciuto in Italia, ho vissuto in Spagna, parlo inglese, ma il mio primo trasferimento è stato in Germania. Anche se ho sempre avuto uno spirito italiano. L'Inter? I primi contatti risalgono a gennaio 2021. Giocavo ala sinistra e l'Inter mi voleva per fare la punta e la cosa mi sorprendeva. In realtà, mi conoscevano meglio loro di me. Poi però mi sono infortunato e quando sono tornati alla carica dopo il Mondiale in Qatar, non ho avuto dubbi, nonostante si fossero fatti avanti altri club".

Il rapporto con Lautaro Martinez: "Ci troviamo bene perché ci frequentiamo anche fuori dal campo.

Su San Siro: "Un posto speciale, non avevo mai vissuto il tifo di 75mila persone.

Sulla finale del Mondiale 2006 con papà Lilian in campo titolare e persa contro l'Italia: "Ho pianto, a lungo", l'ammissione di Tikus.