Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / inter / Primo piano
Gli obiettivi minimi stagionali sono due. Inzaghi deve centrarli entrambiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
venerdì 17 settembre 2021 10:31Primo piano
di Andrea Losapio
per Linterista.it

Gli obiettivi minimi stagionali sono due. Inzaghi deve centrarli entrambi

La sconfitta con il Real Madrid può avere due facce. O meglio, due reazioni, entrambe avverse, dopo una partita dominata in lungo e in largo e poi non vinta. Anzi, addirittura persa all'ultimo tuffo, quello non fatto da Handanovic - non colpevole nell'occasione, ma pur sempre poco incline a gettarsi sui tiri che reputa fuori portata - e la volée di Rodrygo. 

La prima reazione potrebbe essere positiva. Perché Inzaghi ha tenuto la squadra a rapporto il giorno dopo, sottolineando come gli obiettivi minimi siano due. Centrare un'altra volta la Champions, anche abbastanza agilmente dopo lo Scudetto della scorsa annata. Passare finalmente il turno dopo due anni di delusioni. In questo senso Sheriff e Shakhtar non dovrebbero essere degli scogli enormi, poi c'è sempre il campo a dire chi merita di andare avanti in una competizione. Dominare il Real Madrid, pur non segnando, è un fattore. Un segnale che l'Inter è sulla strada giusta.

Poi c'è quella negativa. Strettamente connessa a quella positiva, perché dopo le prime due vittorie sono arrivati un pari, con la Sampdoria, due volte in vantaggio. Poi la sconfitta di San Siro. Lasciarsi andare, considerando anche qualche acciacco di troppo, può essere un attimo. In questo dovrà essere bravo l'allenatore a capire quali devono essere i prossimi passi. Rintuzzare i problemi e ingigantire i pregi di una squadra che ha perso sì Lukaku, Eriksen e Hakimi, ma ha probabilmente più alternative dell'anno scorso. Anche più partite, va detto.

Così gli obiettivi minimi per la linea di galleggiamento sono tracciati. Inzaghi deve centrarli entrambi, con la Coppa Italia come bonus per dare qualcosa in più a una stagione che, al netto di tutto, può finire con tutti gli allori possibili. Basta vedere come è andata con il Real Madrid: mai, dai tempi di Mourinho, l'Inter aveva dominato così contro una top. Il resto può arrivare anche più avanti.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000