Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Zaccagni, Romagnoli e Milinkovic-show. La Lazio travolge lo Spezia, all'Olimpico finisce 4-0TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 2 ottobre 2022, 14:26Serie A
di Tommaso Bonan

Zaccagni, Romagnoli e Milinkovic-show. La Lazio travolge lo Spezia, all'Olimpico finisce 4-0

LAZIO-SPEZIA 4-0 (12' Zaccagni, 24' Romagnoli, 62' e 91' Milinkovic-Savic) - Clicca QUI per rivivere Lazio-Spezia con il LIVE testuale di TMW

La Lazio supera 4-0 lo Spezia nel lunch match dell'ottava giornata di Serie A e riaggancia il Milan a quota 17 in classifica. Dopo appena 3' Immobile spara alle stelle il rigore del potenziale vantaggio, ma ci pensano prima Zaccagni (12'), poi Romagnoli (24') a mettere la gara sui giusti binari già nel primo tempo. Nella ripresa è Milinkovic-Savic con una doppietta (62' e 91') ad arrotondare il punteggio e a mettere in ghiaccio la vittoria.

Le scelte iniziali. Sarri (oggi in tribuna per squalifica e sostituito in panchina dal vice Martusciello) recupera Immobile dopo il problema accusato in Nazionale, torna anche Cataldi che gioca a metà campo con Milinkovic-Savic e Luis Alberto (lo spagnolo vince il ballottaggio con Vecino). Nello Spezia, Gotti ritrova Verde che però parte dalla panchina: in avanti ci sono Gyasi e Nzola. Ampadu sale a centrocampo, fuori Agudelo.

Inizio senza respiro. Ci mette 40 secondi la Lazio a rendersi clamorosamente pericolosa: azione travolgente condotta prima da Lazzari, poi da Luis Alberto che serve di prima in verticale Immobile: l'attaccante viene atterrato in area di rigore per una punizione dagli 11 metri ineccepibile. Il rigore però, viene calciato alle stelle dallo stesso Immobile. Pochi minuti dopo, è Kiwior a sfiorare il vantaggio degli ospiti con il tiro del difensore che viene deviato miracolosamente da Lazzari a fil di palo in corner.

Zaccagni sblocca, Romagnoli raddoppia. A sbloccare la gara dunque tocca a Zaccagni, con un'azione travolgente: al 12' riceve palla, taglia fuori Ampadu, serve Felipe Anderson e va a chiudere l'azione con un tap-in vincente per il secondo gol in campionato. Una Lazio travolgente poi trova il raddoppio con una bellissima conclusione di Romagnoli al 24'. La reazione dello Spezia? Quella più pericolosa, al 38', arriva da un gran sinistro di Bastoni dalla distanza che termina di poco fuori. Si conclude dunque la prima frazione di gioco sul 2-0, con il trio offensivo biancoceleste assoluto protagonista (e un rigore sbagliato).

La trama non cambia. La ripresa inizia con Gila al posto di Patric nella difesa della Lazio, mentre Gotti riparte dagli stessi 11. Primo squillo Spezia (sempre Bastoni dalla distanza), nel frattempo check del VAR per uno scontro di gioco tra Milinkovic-Savic e Bourabia. Di Paolo e Abbattista da VAR e AVAR segnalano a Sacchi che si può continuare. La trama della gara però non cambia e allora lo Spezia soccombe ancora una volta al 62': Luis Alberto illumina in profondità per lo scatto di Immobile che entra in area, evita il portiere e serve Zaccagni al limite dell'area, lo stesso Zaccagni serve Milinkovic tutto solo a centro area che piazza la palla all'angolino per il 3-0 al termine di un'azione da videogioco. Da qui in poi lo Spezia molla la presa piano piano, la Lazio amministra con relativa facilità, aiutata anche dalla girandola di cambi (esce anche un generoso Immobile) che spezza un po' il ritmo. E allo scadere arriva anche il 4-0: pura tecnica per Milinkovic-Savic, Hysaj entra in area e serve il serbo, che con uno scavetto su Dragowski sigla la doppietta personale al 91'. Gol convalidato dopo il check del VAR e Spezia spazzato via.