Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Cairo: "Il calcio non merita aiuti, ma ne ha bisogno. E paga il 70% delle tasse dello sport"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 6 dicembre 2022, 00:17Serie A
di Ivan Cardia

Cairo: "Il calcio non merita aiuti, ma ne ha bisogno. E paga il 70% delle tasse dello sport"

Raggiunto da gazzetta.it a margine della presentazione del calendario For Men 2023, Urbano Cairo, presidente del Torino, ha commentato la prima parte di stagione dei granata: "Abbiamo fatto un buon inizio di campionato, alcune gare che abbiamo pareggiato avremmo potuto vincerle, altre le abbiamo perse immeritatamente. Il mercato ha dato buona linfa al nostro allenatore, che è bravo a sviluppare i talenti sia giovani sia d'età. Ha recuperato alcuni giocatori che erano in difficoltà o stavano facendo stagioni meno buone, vedi Rodriguez che sembrava in difficoltà nel primo anno al Toro, o Linetty e Djdji. E ha fatto benissimo con tanti giovani".

Cinque giocatori del Torino al Mondiale, che effetto le fa?
"Una bella cosa, sono contento. Mi è dispiaciuto molto per la Serbia, peccato perché poteva fare di più. La Croazia bene, ho visto che ha passato il turno e Vlasic ha segnato il primo rigore. Domani avremo la Svizzera col nostro Rodriguez, io tifo per i nostri giocatori".

Si parla molto di possibili aiuti al calcio.
"Il calcio, da un certo punto di vista, non merita aiuti, perché ha fatto errori, nel senso di eccessi di costi. Però ha avuto anche problematiche innegabili legate al Covid, come tutti gli altri settori. Non merita di essere aiutato, ma ne ha bisogno: a causa del Covid, io credo che il calcio abbia bisogno di essere aiutato, perché mantiene una grande parte dello sport italiano. E contribuisce alla fiscalità per il 70 per cento dello sport: non meritiamo, ma ne abbiamo bisogno".

Allungare a cinque anni la durata dei contratti televisivi cosa comporterebbe?
"Sarebbe una cosa positiva, perché un soggetto che entra, come Dazn, o come Sky stessa all'inizio, nel primo anno ci perde, nel secondo pareggia, nel terzo inizia a guadagnare. Avere altri due anni consentirebbe offerte più rotonde".