Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / I fatti del giorno
Il tema oriundi fa ancora discutere. E Mancini rincara la dose: "Troppi stranieri in Serie A"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 31 marzo 2023, 00:49I fatti del giorno
di Raimondo De Magistris

Il tema oriundi fa ancora discutere. E Mancini rincara la dose: "Troppi stranieri in Serie A"

"Camoranesi ci ha portato alla vittoria del Mondiale. Io sto con Mancini e lo capisco". Parole e pensieri di Mark Iuliano, ex difensore che nel corso di una intervista a TMW è tornato a parlare del tema oriundi che tanto sta facendo discutere in questi giorni.
E' giusto andare avanti sulla scia di Retegui? Il tema è d'attualità e al dibattito ha preso parte anche Luigi Di Biagio, ex ct dell'Under 21: "Io preferirei tutti italiani, ma il calcio è diventato globale e le altre nazionali sono anni che lo fanno. Però non va convinto nessuno, questo lo voglio dire: se c'è qualcuno che deve essere convinto, restasse a casa".
Su Retegui s'è espresso anche il direttore sportivo Walter Sabatini: "Retegui è un giocatore molto normale.

Poi vedo che in area di rigore conosce qualche movimento ma da qui a dire che sia un giocatore per la Nazionale ce ne corre".

Opinioni discordanti tra loro, in una giornata in cui - nel corso di un evento all'Università Sapienza di Roma - ha ripreso la parola il ct Roberto Mancini: "Quando giocavo io erano pochi gli stranieri, ora è il contrario. Abbiamo difficoltà nel trovare talenti. Il problema maggiore, poi, è la possibilità che i giovani hanno di esprimersi. Se uno è giovane ma ha qualità deve avere la possibilità di giocare, di fare i suoi errori e poi avere altre chance. Nel mio lavoro cerco di fare questo perché in Italia ci sono tanti giovani e se gli danno modo di esprimersi ci daranno grande soddisfazioni".