Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Onana: "Finale Champions con l'Inter e poi eliminato ai gironi: è stata una grande lezione"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 1 marzo 2024, 22:00Serie A
di Simone Bernabei

Onana: "Finale Champions con l'Inter e poi eliminato ai gironi: è stata una grande lezione"

André Onana, portiere ex Inter passato in estate al Manchester United, ha parlato al The Independent tornando anche sulla finale di Champions League giocata lo scorso anno dai nerazzurri contro il Manchester City: "Mi ci sono voluti sei o sette mesi solo per sentirmi bene. È stato un momento difficile per me. Adesso mi sento un po' meglio perché era tutto nuovo, era difficile per me sentirmi a casa per tanti motivi, in un paese nuovo", ha detto a proposito del suo trasferimento in Premier League.

"Ma ora mi sento bene. Per me, la cosa più importante è essere pronto, essere felice e brillerò. A volte ti trovi ad affrontare situazioni difficili e ho passato sei o sette mesi difficili semplicemente sentendomi bene, non giocando bene, perché penso di non aver iniziato a giocare bene. Era semplicemente qualcosa di strano, non lo so. È stato anche un buon momento per me per imparare perché ho imparato molto in quel momento", ha proseguito.


Quindi un pensiero sulla finale di Champions: "Giocarla e poi venire eliminato ai gironi dopo pochi mesi, per me è stata una grande lezione. Ora penso di avere tutto sulle spalle, imparalo e vai avanti, cerca di essere felice. Questa è la cosa più importante. La scorsa stagione mi sono trasferito da Amsterdam a Milano, ma l’adattamento è stato abbastanza semplice. Ma mi ci sono voluti otto mesi qui. Era solo il momento di imparare e di giocare partita dopo partita".