Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Podolski: "Tornassi indietro, non accetterei la proposta dell'Inter"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
domenica 3 marzo 2024, 13:08Serie A
di Ivan Cardia

Podolski: "Tornassi indietro, non accetterei la proposta dell'Inter"

"Tornassi indietro, non accetterei la proposta dei nerazzurri". L'avventura fra Lukas Podolski e l'Inter, in effetti, non è stata delle più felici. Appena diciassette presenze e un gol per l'ex attaccante tedesco, oggi imprenditore nel settore della ristorazione con una delle principali catene mondiali di kebab, e che ricorda a La Gazzetta dello Sport la sua parentesi interista: "Nulla da togliere al club, ma ho capito che trasferirsi in prestito durante il mercato invernale non è una buona idea.

Spesso un calciatore impiega un paio di mesi per abituarsi alla città, ai tifosi e allo stile di gioco. Se arrivi a campionato in corso, non è semplice e, se le cose vanno male, i primi a farne le spese sono i giocatori in prestito, destinati in ogni caso a salutare a fine stagione. Non fu un anno fortunato, ma ho imparato la lezione".


Oggi segue la squadra di Inzaghi?
"Certo. La guardo spesso, soprattutto in Champions, e mi pare che quest’anno abbia raggiunto un livello altissimo. Al momento, sono tra i migliori in Europa, ma devono essere bravi a prolungare questa fase di exploit per raggiungere il maggior numero di traguardi possibile. Trionfo in Champions? Magari i nerazzurri partono dietro City e Real, però può succedere di tutto. L’importante è non abbassare mai la guardia, perché anche i piccoli club possono rivelarsi insidiosi”.