Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / A tu per tu
…con Vincenzo VivariniTUTTO mercato WEB
martedì 16 aprile 2024, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Vincenzo Vivarini

I gol di Iemmello, le parate di Fulignati. La rivelazione Catanzaro porta la firma di Vincenzo Vivarini: quinto posto in classifica, bel gioco ed entusiasmo in vista dei playoff. il tecnico del calabresi racconta la stagione della sua squadra a TuttoMercatoWeb.com.

Vivarini, come si sta lassù?
“Siamo consapevoli del lavoro che stiamo facendo ma allo stesso tempo sereni, niente voli pindarici. Stiamo cercando di migliorare partita dopo partita trascinati dalla piazza che ci sta dando una spinta clamorosa. Siamo su di giri ma con il giusto equilibrio”

Se glielo avessero detto ad inizio stagione…
“Ad inizio stagione ci speravo. Credo nei ragazzi, stanno facendo molto bene”.

Una stagione così non passa inosservata. Inevitabile che ci siano attenzioni anche su di lei.
“Nel calcio ne ho passate tante, vivo alla giornata. L’anno scorso ad esempio c’erano i presupposti per andare via e poi sono rimasto”.

Sui social è Vivarini mania. Enerix in una diretta con Er Faina disse di preferire lei a Guardiola e Ancelotti…
“È stato molto simpatico. Con il ragazzo che ha fatto questa affermazione ci siamo anche sentiti. Ma i social cerco sempre di non guardarli per non farmi distrarre. Però quando accade una cosa del genere fa piacere”.

Sabato sfidate la Cremonese.
“Mentre stiamo parlando ho la testa alla Cremonese. Verranno per fare una grossa partita, saranno arrabbiati. Dovremo mantenere alta la guardia”.


Il segreto di una stagione così entusiasmante?
“Abbiamo la consapevolezza di aver fatto tanti punti per quello che erano gli obiettivi ma abbiamo anche un rammarico importante”.

Cioè?
“Abbiamo raccolto meno rispetto a quanto fatto. Siamo un po’ in credito con la fortuna. Il calcio lo conosco bene: può succedere di tutto e lotteremo fino alla fine”.

Il suo gioco è apprezzato da tanti.
“Ho sempre creduto nel gioco propositivo. Difficilmente vado sull’approssimazione. Il calcio è divertimento, per chi lo fa ma soprattutto per chi lo vede. Mi organizzo molto sul possesso palla e i giocatori devono sapere ciò che deve avvenire. E così esprimiamo un bel calcio”.

Da Fulignati a Vandeputte fino ai gol di Iemmello. Sì sono messi in mostra in tanti.
“La squadra è stata costruita in funzione delle cose che deve fare in campo. Abbiamo sempre cercato di prendere giocatori funzionali per un certo tipo di lavoro. E questo ci porta a fare ciò che stiamo facendo”.

Provo a strapparle una promessa. Se arriva in A con il Catanzaro, che fa?
“Niente. Sono cose normali… anche perché non mi piace mai fare sogni o programmi proiettati più in là. Se arriva, bene…”.