Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Altre Notizie
Polemiche per il selfie con la salma di Pelé. Infantino replica: "Chiesto dalla sua famiglia"TUTTO mercato WEB
foto ANSA
© foto di ANSA
martedì 3 gennaio 2023, 16:43Altre Notizie
di Ivan Cardia
fonte ANSA

Polemiche per il selfie con la salma di Pelé. Infantino replica: "Chiesto dalla sua famiglia"

Presidente Fifa: costernato per critiche,mai nulla irrispettoso'
(ANSA) - ROMA, 03 GEN - Gianni Infantino rende omaggio a Pele', tra la folla di tifosi che sfilano davanti alla sua salma nello stadio del Santos, ma e' polemica per un selfie del presidente Fifa. "Sono costernato dopo essere stato informato delle critiche da parte di alcune persone per aver scattato un selfie e delle foto durante la cerimonia di ieri", e' la replica di Infantino, via Instagram, appena rientrato dal Brasile. "Vorrei chiarire - aggiunge il presidente della Fifa - che sono onorato del fatto che i compagni di squadra e i familiari del grande Pelé mi abbiano chiesto se potevo fare qualche foto con loro. E ovviamente ho subito accettato. Nel caso del selfie - spiega Infantino - i compagni di squadra di Pelé hanno chiesto di fare un selfie tutti insieme ma non sapevano come farlo. Allora, per essere d'aiuto, ho preso il telefono di uno di loro e ho scattato la foto di tutti noi". "Se essere d'aiuto ad un compagno di squadra di Pelé crea critiche - afferma il numero uno della Fifa - sono felice di prenderle e continuerò ad essere d'aiuto dove posso a chi ha contribuito a scrivere pagine leggendarie del calcio. Ho così tanto rispetto e ammirazione per Pelé e per quella cerimonia di ieri che non farei mai nulla che sia irrispettoso in alcun modo. Spero che chi ha pubblicato o detto cose senza sapere e senza cercare informazioni possa avere la decenza e il coraggio di ammettere di aver sbagliato e di correggere quanto ha detto. La cosa più importante in ogni caso è rendere omaggio al re Pelé, e mentre ho umilmente suggerito che in tutte le nostre 211 federazioni affiliate almeno uno stadio o un luogo di calcio sia intitolato a lui, daremo l'esempio dando al campo nella nostra sede il nome "Estádio Pelé - FIFA Zurigo. Un abbraccio e viva o Rei!". (ANSA).