Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Allegri, Corapi gli dà un consiglio: "Per risolvere i problemi di testa deve essere più uomo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini
domenica 25 settembre 2022, 10:51Altre notizie
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

Allegri, Corapi gli dà un consiglio: "Per risolvere i problemi di testa deve essere più uomo"

Il periodo difficile che la Juventus non ha solo natura tecnica. Le complicanze, nelle quali imperversa la Vecchia Signora, hanno una matrice di natura soprattutto psicologica. I bianconeri non sembrano in grado di compensare le lacune tecniche e tattiche con un atteggiamento mentale propositivo. Ciò aggrava una situazione già eccessivamente nera. Ci sarà molto da fare per Massimiliano Allegri, il cui compito è risollevare la squadra e preservare, di pari passo, la propria panchina da "minacce" di esonero. Quest'eventualità pare abbastanza lontana per lui, vista la posizione generale della società. Tuttavia, serve una sferzata, che va attuata, vestendo i panni di uomo "di polso". Questo è quanto pensa il mental coach, Sandro Corapi. Intervistato da Tuttosport, questi ha dichiarato come sta all'allenatore livornese trovare l'empatia giusta per permettere a sé stesso e ai suoi ragazzi di uscire dalla crisi. Queste sono le sue parole:

"Allegri è uno dei migliori, è un ottimo comunicatore ed è competente. Almeno, questo è quello che percepisco io dall’esterno. Per risolvere i problemi di testa un tecnico deve essere più uomo e meno allenatore: si deve spogliare delle sovrastrutture e aprirsi alla mente, agli occhi, al cuore e all’anima dei ragazzi. Deve essere umile e vicino alla squadra e con la squadra superare la crisi. Soltanto dopo può riprendersi il ruolo di allenatore"