Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Editoriale
Col Bologna un riitorno alla vittoria senza sbavatureTUTTOmercatoWEB.com
lunedì 3 ottobre 2022, 11:54Editoriale
di Antonio Paolino
per Bianconeranews.it

Col Bologna un riitorno alla vittoria senza sbavature

La Juve batte il Bologna col ritorno al gol di Vlahovic, il primo di Kostic e l'essenza di Milik. Sabato a San Siro per spaventare il Milan

Non era scontata, la vittoria non lo è mai. Tantomeno di questi tempi e soprattutto dopo la sconfitta di Monza che, per colpa della pausa delle nazionali, ne ha allungato i tempi. E invece, quando meno te la aspetti, o forse quando la insegui senza sbavature ecco che arriva. Una vittoria netta, pulita, ma che chiaramente sposta di poco la fiducia dei tifosi. Molto di più quella dell'allenatore (low profile dopo il confronto interno) e convinto più di tutti che questa squadra ha ricominciato a “correre” in classifica e anche meglio degli avversari in campo. Curioso come in conferenza stampa riconosca - con orgoglio (high) - il fatto che la Juve corra più delle altre big e che col Bologna lo ha fatto – finalmente - anche meglio di chi ha tanti altri problemi. La squadra emiliana, infatti, dopo il cambio tecnico non ha ancora vinto e soprattutto non ha più segnato nemmeno con il suo cecchino d'area Arnautovic. Un attaccante extra lusso e di qualità, ma che la Juventus non rimpiange dopo averlo inseguito e sostituito nelle gerarchie con Milik. 

Milik – Per essere squadra devi averne undici ben messi in campo, ma anche uno per reparto predisposto ad arretrare più indietro del compagno. Insomma, il sacrificio del polacco rende giustizia alle caratteristiche più appropriate per sfondare davanti di Vlahovic. Da un recupero di Milik a centrocampo, parte l'azione del primo gol, e della prima rete in bianconero, di Kostic. Ma allo stesso tempo chiarisce la necessità di agire di sponda con due attaccanti veri e complementari. Quelli bravi devono giocare e farlo con i loro simili.

Recuperi – La Juve mantiene i fari accesi sul campionato e sulle proprie speranze. Allegri ci crede, e deve convincere il gruppo a crederci come contro il Bologna. Il passo alla volta potrebbe dare lo slancio per il salto triplo, a patto che le distanze in classifica non aumentino esaurendo le speranze prima della lunghissima pausa invernale. Sarà importante la testa, la calma e il saper limitare gli avversari senza frenesia. L'esame importante sarà però sabato prossimo. Il campionato della Juve è ricominciato con una vittoria e servirà non sgonfiarlo nella trasferta di San Siro, magari rovinando la festa al Diavolo con la testa già nelle nuvole (di Empoli).