Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Editoriale
Volevamo parlare di calcio, ma non ci siamo riusciti. Di questo gruppo si deve essere orgogliosi.
martedì 5 dicembre 2023, 15:20Editoriale
di Alessandro Santarelli
per Bianconeranews.it

Volevamo parlare di calcio, ma non ci siamo riusciti. Di questo gruppo si deve essere orgogliosi.

Il primo pensiero che balza alla mente davanti alla tastiera del computer è: da dove si comincia? Dal calcio giocato o da tutto quello che avviene attorno? Perché abbiamo visto un allenatore attaccare un arbitro preventivamente  alla vigilia della partita ( nuovo record dello special lamento) abbiamo visto un direttore di gara fermato, almeno  con il Napoli, dopo le accuse di un presidente, abbiamo visto episodi che vengono giudicati “a seconda delle partite” insomma tutto e il contrario di tutto. Ah, dimenticavamo l’assurdo e inutile attacco di Cairo che invece di pensare ai guai del suo Torino si “ diverte” a parlare di situazioni che non gli competono. La solita distrazione di massa, come quella di alcuni giornalisti, o presunti tali, napoletani felici della sconfitta della propria squadra solo perché ha scongiurato il primo posto della Juventus.

Poco da fare, la Juve logora, la Juve terrorizza, la Juve provoca mal di pancia continui e assidui a chi non la ama. A tutto però ci dovrebbe essere un limite, quel limite che serve, o servirebbe, a tutelare la squadra e la società. Perché i tifosi hanno ragione a preoccuparsi in vista della partita di venerdi, hanno ragione a pensare che dopo le telefonate e le lamentele del solito De Laurentis, potrebbe arrivare la cosi detta “compensazione”. La verità è che diventa sempre più difficile raccontare e convincere il tifoso bianconero che è tutto sotto controllo, che ognuno ha quello che si è guadagnato.

Vero, il campo ad oggi lo certifica, la super favorita Inter è in testa, sempre che Marotta e Inzaghi non si arrabbino, la Juve ha esattamente i punti che merita e dietro la classifica rispecchia quanto visto. Però esiste un certo tipo di comunicazione, che non lascia sereni i supporters della Juve. Sia chiaro, restiamo dell’idea che le partite si vincono sul rettangolo verde, che se sei più forte lo dimostri, arbitri a prescindere, ma quando ti giochi la stagione sul filo dell’equilibrio, ogni episodio rischia di essere determinante, e la sensazione, per carità solo una sensazione, è che quando si debba decidere nei confronti della Juventus, manchi la serenità.

Ci raccontano, ad esempio, di calci d’angolo “ inventati”, di rimesse laterali invertite, di gol sospetti anche se palesemente regolari, si fanno le pulci ad ogni azione della Juve. Perché abbiamo l’impressione che non sia cosi per tutti? Anzi, perdonateci, ma abbiamo la certezza. Rimedi? Ragionare con la propria testa, senza farsi condizionare da ex arbitri diventati opinionisti e addetti ai lavori troppo “anti”.

L’orgoglio che questa Juve accende in tutti noi deve andare oltre, la forza e la volontà di questo gruppo oggi deve anche far “perdonare” alcune prestazioni non brillanti ma efficaci. Questa è una squadra che sa di avere nella compattezza la sua arma migliore. Non è la più forte ma ci mette il cuore e anche per questo ha ritrovato l’entusiasmo dei suoi tifosi ( quasi tutti). Volevamo parlare solo di campo, e mi perdonerete se alla fine è rimasto marginale, lo faremo nel post Juve Napoli, forse….