Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Editoriale
LA Juventus sposa la linea sabauda.
sabato 25 novembre 2023, 16:57Editoriale
di Claudio Zuliani
per Bianconeranews.it

LA Juventus sposa la linea sabauda.

Equilibrio finanziario, bond, mercato, difesa nelle sedi opportune, rispetto delle sentenze, competitività, libertà di stampa, brand, giovani, social, followers, abbonamenti, sold-out, storia, vittorie. Se mi sono dimenticato qualcosa mi scuserete ma sono fiumi di parole quelle sentite nella piena dell’assemblea bianconera che ha approvato lo sbilancio societario e l’ennesimo aumento di capitale che potrebbe bastare giusto per la sopravvivenza ordinaria.
Domenica ci aspettiamo di vivere una bellissima serata, ci aspettiamo di giocare una fantastica partita ma non ci aspettiamo che sia la partita perché la nostra storia ci insegna che la nostra partita è il campionato e il nostro obiettivo è lo scudetto e non il quarto posto. Il governo tecnico che ha abbassato le difese accordandosi, la linea societaria che punta al quarto posto e al mercato sostenibile dei giovani, il direttore tecnico che si adegua, l’allenatore costretto a fare con quello che ha, il proprietario che silente accetta tutto senza reagire. La sensazione a pelle porta verso una nuova linea sabauda, basta passione. In questo scenario trovo praticamente impossibile un ritorno (si è nuovamente proposto) di Antonio Conte perché non in linea con le aspettative del proprietario.

L’ingegnere preferisce un board che esegua e non si lamenti, che porti al minimo risultato economico senza operazioni da tifosi. La Juventus non esce dalla borsa e quindi deve rendere conto agli azionisti che continuano ad immettere denaro proprio e non frutto di prestiti altri. In questo contesto crede di poter andare avanti per altre legislature ma l’assemblea ha dimostrato un notevole malumore da parte dei piccoli azionisti che spendono i loro soldi perché sono tifosi.
E in quanto tali sono stanchi di subire gli attacchi avversari, le sentenze non giuste, le inchieste incompetenti, la libertà della stampa amica. Tra un lato e l’altro della barricata esiste sempre il mezzo: il campo. Il terreno di gioco in questo caso, dove si gioca a calcio, dove si esulta e si soffre, dove il tifoso vuole vincere perché è abituato da sempre. Un consiglio, mi permetto…meno fair play comunicativo e più risposte dirette. Solo così si possono avvicinare proprietario e cliente!