Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
ESCLUSIVA BN - Causio: "Scudetto? L'Inter è più forte, ma la Juve...Chi avrebbe scommesso su Nicolussi? Contro il Napoli finisce..."TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 7 dicembre 2023, 16:00Primo piano
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

ESCLUSIVA BN - Causio: "Scudetto? L'Inter è più forte, ma la Juve...Chi avrebbe scommesso su Nicolussi? Contro il Napoli finisce..."

Bianconera News ha raggiunto Franco Causio ai propri microfoni. Intervenuto in ESCLUSIVA, il "Barone" ha analizzato la Juventus, in cui risalta un aspetto

La Juventus operaia di questa stagione sta producendo una stagione di alto livello. L’obiettivo concreto di un piazzamento in Champions League si sta trasformando nella possibilità di centrare lo scudetto. Il confronto a distanza con l’Inter si gioca punto su punto e sulla voglia di disputare le partite fino alla fine, come si confà allo spirito e al DNA della Vecchia Signora insito nell’elemento più esperto e nella pedina più giovane dello spogliatoio. Insomma, poco importa se è Massimiliano Allegri l’allenatore della risalita bianconera, perché c’è la stessa Juventus dietro la sua resilienza. È questo il pensiero del “BaroneFranco Causio, che è intervenuto in ESCLUSIVA ai microfoni di Bianconera News. Di seguito, riveliamo il contenuto integrale dell’intervista.

Inquadriamo un attimo il periodo che sta vivendo la Juventus: come vede la squadra?

Direi positivamente bene. Vedo questo gruppo molto coeso che ha grande cattiveria e voglia di vincere le partite, accettando anche un po’ di sofferenza: quello è il DNA della Juve e finalmente si sta rivedendo”.

Questo DNA ritrovato di cui parla comprende anche e soprattutto quello del “Fino alla fine”?

Assolutamente sì”.

In questa stagione sta risaltando molto il lavoro di Massimiliano Allegri, che, dopo due stagioni difficili, sembra aver creato un gruppo forte in grado di puntare allo scudetto. È d’accordo?

La Juve gioca sempre per vincere. Purtroppo le ultime due stagioni sono state un po’ particolari, ma non sportive, perché, nella scorsa stagione, la Juventus ha conquistato la Champions League sul campo e per vari motivi, legati alla doppia penalizzazione, non la fa…”.

Testa a testa scudetto Inter-Juventus: alla luce dello scontro diretto che si è già giocato e di quanto queste due formazioni hanno fatto vedere ultimamente contro il Napoli e contro il Monza, è possibile riscontrare delle differenze che vanno a vantaggio di una formazione piuttosto che dell’altra?

Certo! Quello che posso dire è che l’Inter è più forte come forza degli effettivi in rosa, gioco e organizzazione. Però la Juve le sta tenendo testa in generale e, più nello specifico, le ha tenuto testa nello scontro diretto, cosa che non è riuscita al Napoli. Il confronto diretto dell’Allianz Stadium è finito 1-1, gli azzurri hanno perso 0-3 contro i nerazzurri, che hanno dimostrato di essere una signora squadra. Ciò dimostra che le partite, poi, bisogna vincerle in campo”.

In cosa, invece, la Juventus può essere superiore all’Inter?

La Juventus ha trovato quel carattere, quella cattiveria e quella “cazzimma”, che le permette di emergere anche in partite come quella contro il Monza. Sull’1-1 si sono riversati quasi tutti in avanti e hanno fatto l’1-2 con Gatti. Credo che ci sia da essere soddisfatti di quello che sta facendo la squadra, in cui va sottolineato anche il lancio di tanti giovani”.

Tra i giovani che la Juventus ha lanciato c’è un giocatore che incarna maggiormente lo “spirito Juve”, essendo dunque da Juve?

Cosa vuol dire “spirito Juve”? Lo “spirito Juve” risiede già nello spogliatoio. Io sono stato un calciatore della Juventus e so benissimo cosa vuole dire una tempra caratteriale a tinte bianconere. Anzi, dirò di più, i giovani che entrano nel settore giovanile della Juventus ce l’hanno già dentro questo spirito. Quindi, quando approdano in Prima Squadra, sono già preparati. In tal senso hanno la fortuna di avere dirigenti e compagni di squadra navigati che li fanno capire cosa vuol dire essere alla Juventus. I giovani sono tutti bravi: bisogna avere pazienza come ce l’ha Massimiliano Allegri, che tutte le settimane ne prepara sempre qualcuno. Prendiamo Nicolussi Caviglia: chi se lo aspettava titolare anche contro l’Inter in questo momento? Nessuno. Ma Massimiliano ci ha creduto e l’ha fatto giocare con buoni risultati tra l’altro”.

Come finisce Juventus-Napoli?

Da juventino mi auguro che finisca con l’1 fisso, poi sarà il campo a decidere”.