Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Il punto
IL SANTO DELLA DOMENICA -  Il fine (a volte) giustifica i mezzi.La Juve torna ina zona Champions seppur penalizzata. Situazione stadio: si trovi un punto di intesa.
domenica 2 aprile 2023, 00:50Il punto
di Alessandro Santarelli
per Tuttojuve.com

IL SANTO DELLA DOMENICA - Il fine (a volte) giustifica i mezzi.La Juve torna ina zona Champions seppur penalizzata. Situazione stadio: si trovi un punto di intesa.

Vogliamo per una volta essere pratici? Proviamoci, e allora raccontiamo subito che ci sono partite che devono essere vinte. Quella con il Verona era una di quelle. Poi, siccome dobbiamo anche analizzare le gare, va detto subito  che è stato scelto il modo meno brillante, meno bello, meno divertente possibile. Ma i tre punti, grazie al graffio di Kean sono arrivati, e per una sera la Juve si porta addirittura a meno quattro punti dal quarto posto. Anche qui serve subito un esercizio di onestà: chi avrebbe immaginato una risalita simile? E soprattutto chi avrebbe ipotizzato la Juventus in piena lotta Champions con il fardello dei 15 punti? Roba da far venire il mal di pancia al procuratore Chinè, che dal canto suo grida ancora battaglia nei confronti della società bianconera. Insomma, in mezzo alla tempesta perfetta, e in attesa di capire cosa altro si inventerà l’InGiustizia sportiva, Fagioli e compagni minacciano quelle davanti, quelle che forse troppo presto avevano fatto i conti. Adesso, non è tutto oro quello che luccica, anzi, contro il Verona abbiamo visto una versione molto sbiadita della Juventus, per troppo tempo molle, con poche idee e soprattutto povera dal punto di vista delle verticalizzazioni. Anche alcune scelte iniziali non hanno convinto, Barrenechea su tutte, ma pure l’aver schierato De Sciglio come quinto a sinistra ha dato l’impressione di una squadra sin troppo preoccupata di tamponare piuttosto che di offendere. Vizi che ci portiamo dietro da tempo, ma è pur vero che era logico attendersi qualcosa di più. I cambi nella ripresa non hanno migliorato particolarmente la situazione, ma il gol è arrivato, e questo è quello che più fa riflettere, dall’unica azione giocata di prima, in verticale e su ritmi più alti.

Da censurare anche la fase finale, dove la squadra ha concesso qualcosa di troppo al Verona, ha peccato in un paio di situazioni di ingenuità, con Miretti, tanto da far arrabbiare Allegri, scappato negli spogliatoi un minuto prima della fine della partita. Tanto da migliorare insomma, in vista già di martedi contro l’Inter ma più in generale rispetto al ciclo di ferro che accompagnerà la Juve nel mese di aprile. Era però importante iniziare con una vittoria, che porta con se anche la diciassettesima partita in campionato senza subire gol. Un’ultima nota, ma importante, va sulla situazione stadio. Nel post gara tantissimi messaggi sono arrivati a RadioBianconera, durante la trasmissione Colpo di Tacco, per segnalare il silenzio angosciante che sta tornando ad accompagnare le gare della Juve. Molto ne abbiamo parlato e altrettanto scritto. Crediamo però che oggi più che mai la squadra abbia bisogno dell’appoggio del proprio pubblico, cosa peraltro sottolineata anche dallo stesso Allegri. Per il bene della Juventus, si trovi un punto di accordo, si cerchi un compromesso, si riapra il dialogo a tutti i livelli. Ognuno faccia un passo verso l’altro, ma lo stadio deve ( dovrebbe) tornare ad essere il valore aggiunto. Soprattutto in un momento storico delicato come quello che stiamo tutti assieme affrontando.