Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
MCKENNIE rivela: "Quando sono tornato alla Juve non avevo più l'armadietto. Il futuro? Rendo meglio quando penso solo a lavorare"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 20 giugno 2024, 18:10Primo piano
di Alessandra Stefanelli
per Tuttojuve.com

MCKENNIE rivela: "Quando sono tornato alla Juve non avevo più l'armadietto. Il futuro? Rendo meglio quando penso solo a lavorare"

Lunga intervista per Weston McKennie ai microfoni del The Atletic, in cui rivela alcuni retroscena relativi alla scorsa stagione: "Il mio periodo al Leeds è stato probabilmente uno dei punti più bassi, se non il più basso della mia carriera professionale. Ero alla Juventus, giocavo di settimana in settimana, e forse avevo sviluppato un po' di comodità o compiacimento. Poi in Premier, dove abbiamo cambiato quattro allenatori in cinque mesi, niente è andato secondo i piani o come me lo ero immaginato. Quando sono arrivato in Inghilterra, nella mia testa mi ripetevo: 'Ok, devo fare ottime prestazioni, numeri, aiutare la squadra a rimanere in alto e sperare che una delle prime cinque del campionato arrivi e veda quanto ho giocato bene e mi compri. Con tutto il rispetto per il Leeds e i suoi tifosi, amo il calcio della Champions League. Mi piace giocare ai massimi livelli. Sono andato lì più che altro per provare qualcosa di nuovo".

Il problema con i tifosi
"Mi piace pensare di essere una persona che ha la pelle dura. Quando si ricevono piccoli commenti qua e là, è abbastanza facile ignorarli. Ma quando apri il telefono e la prima cosa che vedi sui social è sempre qualcosa di negativo, è difficile non pensarci. Mi piace molto quando le persone riescono a relazionarsi con me e mi sento felice. Il calcio è un mondo che a volte non perdona. La gente ovviamente non sa cosa passano i giocatori e lo stress che mettono su loro stessi per ottenere risultati, perché non vogliamo fare brutte prestazioni e non vogliamo perdere le partite. È solo che a volte ci sono alti e bassi, quindi fa male. Dopo la retrocessione con il Leeds, probabilmente è stata la prima volta, a parte l'uscita dalla Coppa del Mondo, in cui ho pianto. Odio perdere e mi sono sentito come se avessi deluso le aspettative che la gente aveva nei miei confronti. Ma quando hanno iniziato a dire "ciccione bastardo", "porco", "stronzo" e cose del genere, è stato un po' difficile. Non ci si rende conto dell'effetto che le parole hanno sulle persone".

McKennie ha poi parlato del suo ritorno alla Juventus, dopo il prestito al Leeds: "Quando devo dimostrare ancora una volta il mio valore ne traggo beneficio, perché questo mi rende ancora più onesto con me stesso in termini di impegno e concentrazione. Qualcosa scatta. È come una ricetta. Conosco gli ingredienti per realizzarla e poi... 'boom'. So che il sapore sarà buono. Dopo il rientro a Torino, sapevo che sarebbe stato impegnativo, non pensavo così tanto però: non avevo il mio armadietto, non avevo una stanza in albergo, non avevo un parcheggio. Mi sono cambiato negli spogliatoi con i ragazzi dell'Accademia, anche quando nello spogliatoio principale c'erano giocatori che non avevano mai giocato una partita con la Juventus perché erano sempre stati in prestito. E pensavo tra me e me: "Wow, sono stato via solo sei mesi. Torno e vengo trattato così. Non potevo nemmeno avere il mio numero di maglia (14), anche se nessun altro lo aveva preso. Mi sono detto: 'Ok, volete trattarmi così? Vi dimostrerò tutto sul campo'".

"Non sono una persona problematica. Non mi piace creare problemi. Non mi piacciono le situazioni scomode. Non mi piacciono i drammi. Cerco solo di lasciare che il mio calcio, le mie azioni e la mia etica del lavoro mostrino tutto di me. Dopo la tournée estiva Allegri mi ha ripreso in considerazione. Mi ha messo in castigo... quello che mi riesce meglio e che sono più onesto quando abbasso la testa e lavoro. È in quelle circostanze che ho avuto i miei maggiori successi. Ho lasciato lo Schalke e sono andato alla Juventus e nessuno mi conosceva. Tutti dubitavano di me. 'È un club troppo grande, non giocherai mai' dicevano. Ma guardatemi ora. Ho più di 100 partite con i bianconeri. Mi sento bene quando sono con le spalle al muro e tutti dubitano di me. È così che sono diventato il giocatore che sono".