Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Rassegna stampa
Corriere dello Sport: "Ansia Vlahovic, tra pubalgia e malcontento"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 29 novembre 2022, 09:13Rassegna stampa
di Alessandro Tedeschi

Corriere dello Sport: "Ansia Vlahovic, tra pubalgia e malcontento"

"Ansia Vlahovic, tra pubalgia e malcontento", titola oggi il Corriere dello Sport. C'è un allarme Vlahovic che suona e risuona. La pubalgia che affligge il centravanti serbo della Juve è sempre più un problema. Perché nonostante i tentativi e la voglia di vivere un Mondiale da protagonista, Dusan continua a soffrire in panchina senza poter scendere in campo: nemmeno per uno spezzone in una partita praticamente da dentro o fuori, la Serbia contro il Camerun era passata dal 3-1 al 3-3 ma il ct Stojkovic non ha potuto puntare sul bianconero neppure come mossa della disperazione.

Nel frattempo nelle triangolazioni tra Italia, Serbia e Qatar inizia a rimbalzare qualche primo segnale di malcontento da parte dello stesso Vlahovic. Arrivato in pompa magna come il vero colpo per voltare pagina dopo Cristiano Ronaldo, il primo anno in bianconero di Dusan non è andato come sperato. Resta centrale nel progetto della Juve di oggi e domani, ma il suo agente Darko Ristic anche durante questi giorni qatarini avrebbe già ricevuto diverse telefonate per sondare il terreno da parte di club pronti a rimettere sul piatto quanto necessario per garantirsi il centravanti la prossima estate: discorsi forse prematuri, ma da non poter ignorare.