Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
"Ti aspettiamo!". Cambiaso racconta il primo incontro (nei corridoi) con Allegri alla JuventusTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 dicembre 2023, 19:53Serie A
di Tommaso Bonan

"Ti aspettiamo!". Cambiaso racconta il primo incontro (nei corridoi) con Allegri alla Juventus

"La vittoria all’ultimo col Monza? Incredibile, vincere così è ancora più bello. Era successo già col Verona ed è stato bellissimo. Col Verona dal campo il colpo di testa di Milik sembrava entrato. Nel dubbio poi l'ho buttata dentro. Sul cross di Gatti volevo chiudere sul secondo palo, poi ho visto Milik andare lì e allora mi sono accentrato. Se vedete infatti io esulto già prima. Vincere le partite così è impagabile". Parla così Andrea Cambiaso, esterno della Juventus, nella diretta sul canale Twitch bianconero.

Su Allegri: “Ha esperienza incredibile, ha allenato grandissimi campioni e posso solo che imparare. La prima volta che l’ho conosciuto? In campionato, ma dal vivo l'anno scorso, quando sono venuto a firmare il passaggio dal Genoa. L'avevo beccato nei corridoi, con Cherubini e Manna. Tutti avevamo preso la decisione di andare in prestito e mi ha detto: “Ti aspettiamo!”".


Sul suo idolo: "Sono cresciuto con Messi. Poi Dybala, l'ho visto a Genova una volta e fece un gol incredibile. Io giocavo mezzala e trequartista, quei giocatori lì li idolatravo. Poi oggi Cancelo, lo sappiamo benissimo. La maglia che mi ha regalato? Quel giorno incredibile, ho aperto il cassetto e visto la maglietta, non me l'aspettavo. L'ho incorniciata".

Sul numero di maglia: "In realtà volevo prendere la 20 di Miretti. Sono nato il 20, poi il mio secondo numero è il 47. Ho fatto un misto e ho scelto la 27. La città di Torino? Mi piace molto, son sincero mi manca un po’ il mare di Genova. Ma Torino è molto bella".