Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
Juve, Chiesa brilla al "Maradona": ora vuole riconquistare lo StadiumTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 marzo 2024, 07:00Serie A
di Camillo Demichelis
fonte Juventus, Chiesa, Allegri, Nonge, Vlahovic

Juve, Chiesa brilla al "Maradona": ora vuole riconquistare lo Stadium

Dopo la delusione del “Maradona” la Juventus deve subito voltare pagina e pensare agli obiettivi che rimangono: secondo posto e Coppa Italia. In casa bianconera non esistono sconfitte più dolci di altre, ma domenica sera si è vista una strada più propositiva da seguire in questo finale di stagione. “Dobbiamo fare un mini campionato per restare tra le prime quattro e migliorare il terzo posto dell'anno scorso”, questo il diktat di Allegri per quanto riguarda la lotta Champions.

Senza Vlahovic, la Vecchia Signora si aggrappa a Chiesa.
Federico Chiesa ha dato la miglior risposta possibile, dopo aver vissuto, forse, la peggior settimana della stagione. Il numero 7 bianconero si è ripreso la Juve lasciandosi alle spalle la deludente prova contro il Frosinone, con tanto di fischi da parte dei propri tifosi, e la botta subita in allenamento che rischiava di escluderlo dalla sfida contro il Napoli. Tutta la gioia di Chiesa si è vista in quell’urlo liberatorio verso mister Allegri dopo la rete del momentaneo pareggio. Un grido che sapeva di “grazie” verso il tecnico livornese per la fiducia concessagli nel momento più difficile. Ora complice l’assenza di Vlahovic, la Vecchia Signora ha scelto di affidarsi proprio a Federico con la speranza che non ricada nella solita discontinuità che ne ha condizionato la stagione. Forse è presto ma Chiesa sembra esser tornato per se stesso, per Allegri e per la Nazionale.


Nonge, un talento cristallino che non deve chiedere scusa.
Joseph Nonge, dopo aver causato il calcio di rigore che è costato la sconfitta della Juventus contro il Napoli, ha sentito il bisogno di doversi scusare con tifosi e compagni: "Ho commesso un errore, mi assumo tutta la responsabilità. Scusate compagni di squadra e tifosi, grazie per il vostro supporto. È tempo di resettare e rimanere concentrati sulla fine della stagione". Il centrocampista classe 2005 non deve scusarsi con nessuno, ma ripartire dalla splendida giocata in mezzo al campo su Anguissa e, soprattutto, dall’apertura che ha portato al pareggio di Chiesa. La sostituzione di Allegri dopo soli 14’ minuti non è mai una bocciatura, ma una semplice protezione del tecnico per tutelare un ragazzo troppo giovane per esser risucchiato nel vortice del polemiche. La crescita alla Juventus passa anche e soprattutto da questi momenti.