Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / I fatti del giorno
"Pensavamo di aver raggiunto un altro livello". Italia, dubbi e riflessioni dopo la sconfittaTUTTO mercato WEB
sabato 22 giugno 2024, 00:56I fatti del giorno
di Raimondo De Magistris

"Pensavamo di aver raggiunto un altro livello". Italia, dubbi e riflessioni dopo la sconfitta

All'indomani della sconfitta contro la Spagna, l'Italia è tornata in campo all'Hemberg Stadion di mattina così da concedere mezza giornata libera ai calciatori. In campo i giocatori che giovedì sera non sono stati protagonisti della sfida di Gelsenkirchen, mentre ha svolto lavoro in palestra sia chi è partito dal primo minuto che chi - come Cristante e Cambiaso - è subentrato all'intervallo.
L'allenamento aperto solo per un quarto d'ora alla stampa s'è svolto sotto gli occhi del presidente della Federazione Gabriele Gravina. Dopo una prima fase di riscaldamento, partitella contro una selezione giovanile del Borussia Dortmund che nel suo undici aveva anche Federico Gatti. Per la prima partitella dopo la sconfitta all'Arena AufSchalke, Spalletti ha schierato i suoi calciatori con questo undici: Vicario; Bellanova, Buongiorno, Mancini, Darmian; Folorunsho, Fagioli; El Shaarawy, Raspadori, Zaccagni; Retegui.

In giornata ha parlato anche il capodelegazione Gianluigi Buffon che ha analizzato così Spagna-Italia 1-0: "Pensavamo di aver già raggiunto un determinato livello e ieri probabilmente abbiamo avuto un riscontro che non ci aspettavamo. Penso anche che tra le spiegazioni della prestazione ci sia quella che ha detto il mister: l'aspetto fisico sul quale s'è voluto focalizzare lui immediatamente ci ha colpito, la velocità di esecuzione e di azione che avevano era diversa. Dobbiamo essere confidenti per il futuro che è immediato".

Parli di aspetto fisico e la Croazia arriverà all'ultima partita con un gioco di recupero in più
"Sarà una partita diversa con ritmi diversi, anche per caratteristiche individuali dei calciatori. Probabilmente il talento sarà più o meno quello, la Spagna ha ancora qualcosa in più, ma è una partita che ci giocheremo al massimo delle nostre possibilità con la consapevolezza che possiamo ottenere un bel risultato. Al di là di tutto, siamo stati bravi a far sembrare l'Albania una squadra di livello inferiore e ieri probabilmente queste difficoltà che abbiamo avuto ci hanno fatto sembrare sotto il nostro reale livello".

Come hai visto i ragazzi?
"Li ho visti tranquilli. Chiaramente finita la gara non potevano essere soddisfatti né felici, ma c'era molta lucidità nell'analisi della partita e delle difficoltà che abbiamo trovato. Al di là di tutto vanno dati grandi meriti alla Spagna, perché poi mi ha impressionato questo modo di giocare, queste individualità che in ogni momento riescono a creare superiorità numerica e non ti lasciano mai respirare. Non ti lasciano mai 1-2 minuti di possesso palla per riordinarti le idee. Siamo stati in difficoltà dal primo minuto e nell'arco dei 90 minuti l'aspetto buono è che abbiamo perso solo 1-0".


Un voto a Donnarumma?
"Se non prendeva gol era da dieci, ieri ogni tiro l'ha parato ed è stato davvero un baluardo insuperabile".

Come si gestisce un momento così?
"Alcune volte è più facile la gestione della sconfitta che non della vittoria. Secondo me ieri abbiamo avuto delle risposte, al di là che possano esser state negative. E queste risposte fanno sì che quel foglio di punti interrogativi cominci a riempirsi e qualche punto interrogativo emerge. Se dopo l'Albania pensavamo di valere nove, dopo la gara di ieri non puoi pensare di valere quattro. Probabilmente la ragione è nel mezzo e noi dobbiamo trovare il nostro livello per competere già da lunedì".

Al di là della qualità degli avversari e della condizione atletica ieri non s'è visto un tiro in porta. Forse non è il caso di iniziare a giocare con le due punte?
"Il mister in questo periodo ha fatto vedere di essere molto duttile, anche a seconda dei momenti ha cercato di schierare la squadra nel modo più pericoloso possibile. Sono cose che sicuramente lui sta analizzando e analizzerà".

Sei uno specialista di terze partite del girone e la Croazia si giocherà la vita. Come si affrontano? Dove devi lasciare la paura?
"La paura non ci dev'essere, ti può venire la giusta ansia pre-gara fino a che non scendi in campo per il riscaldamento. Dopo deve essere solo divertimento perché ha l'opportunità di mettere in mostra il tuo talento. Se qualcuno ha paura deve superarla in questo modo, pensando che scendendo in campo può mettere in mostra il talento. Facciamo un lavoro meraviglioso e tutti vorrebbero essere al nostro posto anche in una partita così delicata. Ci sono tanti aspetti positivi, poi ci sono anche due risultati su tre ma non è questo un pensiero che vorrà fare il mister e vorranno fare i ragazzi. Il primo pensiero sarà ritrovare determinate sicurezza, un po' noi stessi dopo la sbandata di ieri sera. E sono convinto che alla fine giocheremo un altro tipo di gara e staremo qui a parlare di altro".