Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Nato Oggi...
Felix Magath, i successi (in campo) con l'Amburgo e i trionfi in panchina con Bayern e WolfsburgTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Gaetano Mocciaro
martedì 26 luglio 2022, 05:00Nato Oggi...
di Lorenzo Di Benedetto

Felix Magath, i successi (in campo) con l'Amburgo e i trionfi in panchina con Bayern e Wolfsburg

La carriera di Felix Magath è stata segnata principalmente da due squadre: l'Amburgo prima e il Bayern Monaco poi. Una da giocatore, l'altra da allenatore. Dopo gli inizi nel Saarbrucken, nel '76 arrivò la chiamata dell'Amburgo, club con cui giocò per 10 stagioni vincendo tutto il possibile. Fra i successi, anche la Coppa Campioni dell''83 alzata al cielo proprio grazie ad un suo gol nella finale contro la Juventus. Chiuso col calcio giocato divenne allenatore: Amburgo, Norimberga, Werder, Eintracht, Stoccarda e quindi Bayern Monaco, dal 2004 al 2007. Dopo i successi bavaresi, Magath riuscì pure nell'impresa di portare a Wolfsburg il primo titolo nazionale della storia del club. In carriera come detto ha vinto tantissimo. Da giocatore, sempre con l'Amburgo, 3 Campionati tedeschi, una Coppa dei Campioni e una Coppa delle Coppe, oltre all'Europeo del 1980. Da allenatore ha alzato al cielo 3 Campionati (3 col Bayern, uno col Wolfsburg), 2 Coppe di Germania e una Coppa di Lega tedesca. Oggi Felix Magath compie 69 anni.

Sono nati oggi anche Angelo Di Livio, Pasquale Padalino, Maicon, Stephen Makinwa, Gael Clichy, Leonardo Ulloa, Panagiotis Kone e Diego Perotti.