Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Sturm Graz, Ajeti: "Lazio squadra da brividi. Nel 2019 sono stato vicino ai biancocelesti..."
martedì 4 ottobre 2022, 09:45News
di Lalaziosiamonoi Redazione
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Niccolò Di Leo - Lalaziosiamonoi.it

Sturm Graz, Ajeti: "Lazio squadra da brividi. Nel 2019 sono stato vicino ai biancocelesti..."

Tra qualche giorno la Lazio tornerà in campo anche in Europa League. A ospitare i biancocelesti saranno gli austriaci dello Sturm Graz, anche loro reduci da una pesante sconfitta nel turno precedente contro il Feyenoord. Tra le loro fila i bianconeri possono vantare Albian Ajeti, attaccante classe 1997 in prestito dal Celtic, che in passato fu vicino alla Lazio. L'ex West Ham, squadra in cui ha condiviso lo spogliatoio con Felipe Anderson, è intervenuto ai microfoni di Kroinen Zeitung, per parlare della sfida gi giovedì:

"Seguo da vicino la Serie A e conosco molto bene quasi tutte le squadre. La Lazio è una squadra da brividi. Non vedo l'ora di giocare questa partita. Abbiamo rispetto per i romani, ma di certo non ci nasconderemo. Il più pericoloso è probabilmente l'attaccante Ciro Immobile. Segna dai 20 ai 30 gol all'anno ed è anche in nazionale italiana. A lui dobbiamo stare molto attenti. Felipe Anderson?  Abbiamo giocato insieme al West Ham, ci teniamo in contatto tramite WhatsApp, ci siamo scritti solo due giorni fa". Poi Ajeti racconta un retroscena di mercato: "Io vicino alla Lazio? Sì, è vero. Ci sono stati dei colloqui. Alla fine ho rifiutato i biancocelesti, ma solo perché il mio istinto mi ha consigliato di andare al West Ham, "