Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Benitez su un ex Lazio: “Nel mio Napoli faceva la differenza”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
lunedì 28 novembre 2022, 07:45News
di Edoardo Zeno
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Sky

Benitez su un ex Lazio: “Nel mio Napoli faceva la differenza”

Ospite di Fabio Caressa durante Sky Calcio Club, Rafa Benitez ha detto la sua sui temi attuali del mondo del calcio ripercorrendo anche alcune tappe della sua carriera. Il tecnico spagnolo ha parlato dalla gloriosa avventura di Liverpool, degli anni al Valencia, dei mesi difficili all'Inter e di quelli decisamente migliori al Napoli. All'ombra del Vesuvio, Benitez portò tanti giocatori di spessore che hanno scritto la storia recente del club campano: da Higuain a Mertens, passando per Koulibaly, Callejon, Jorginho, Albiol e Pepe Reina. Proprio sull'estremo difensore spagnolo, Rafa si è concentrato in modo particolare sottolineandone l'importanza all'interno dello spogliatoio. Queste le sue parole sull'ex portiere tra le altre di Milan e Lazio, divenuto negli anni successivi un elemento di riferimento anche per la società biancoceleste prima con Inzaghi e poi con Sarri: "Come allenatore se hai sempre la stessa squadra per 20 anni è molto difficile, posso cambiare il messaggio ma non la mentalità. Cambiare qualche giocatore è importante. Nel nostro primo anno a Napoli il giocatore che faceva la differenza era Pepe Reina. Poi il secondo anno l’abbiamo perso e si è sentita la mancanza. Ma siccome De Laurentiis è molto intelligente l’ha capito e l’anno dopo la ripreso. Era importante anche al Liverpool, perché giocava molto fuori dai pali. In questo modo faceva la differenza, perché la squadra così poteva fare il pressing alto”.