Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Il punto di
Lazio Primavera, di fratello in fratello: dopo 10 anni torna il gol di Balde
domenica 5 febbraio 2023, 07:27Il punto di
di Lalaziosiamonoi Redazione
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Lavinia Saccardo - Lalaziosiamonoi.it

Lazio Primavera, di fratello in fratello: dopo 10 anni torna il gol di Balde

12 gennaio 2013, Pescara - Lazio. È l’ 81’ quando a segnare ci pensa il nuovo arrivato Keita Balde Diao, che chiude di fatto il match in terra marchigiana per 0-3. Arrivato dal Barcellona per una cifra vicina ai 300mila euro, si unisce alla quella Primavera di Bollini che vincerà il campionato battendo in finale l’Atalanta. Per il senegalese classe 1995 sarà il primo dei soli 12 gol messi a segno con la maglia dell’Under 19, perché poi per lui si spalancheranno le porte della prima squadra. 

4 febbraio 2023, Monopoli - Lazio. Dagli 11 metri un laziale ha la possibilità di sbloccare il risultato: tiro centrale, neanche troppo potente. La rete si gonfia e a festeggiare anche stavolta è un Balde. Classe 2004, ex Nocerina, tecnica notevole e un nome sulle spalle che riempie la mente di aspettative. Con il suo timbro i biancocelesti si tengono stretti con prepotenza la vetta.

Stesso cognome, stesso sangue, uno esterno sinistro, l’altro, il più piccolo, esterno destro. Come un deja-vù, come tornare indietro nel tempo, un altro Balde prende per mano l’attacco della Lazio e lo accompagna alla vittoria. Certo, lo scenario oggi è totalmente diverso: mentre nel 2013 i ragazzi di Bollini dominavano in Primavera 1, quelli di Sanderra sono relegati in Primavera 2 alla rincorsa dell’obiettivo promozione. Nessuna pressione, nessuna responsabilità troppo grande, a un ragazzo di 19 anni non fa bene. Ma quelle cinque lettere dietro la schiena pesano, è inutile negarlo, come se oltre a quello Keita e Mahamadou dovessero condividere necessariamente lo stesso destino. Vietato, almeno per ora, pensare  in grande e pretendere il troppo. Adesso è il momento di lasciar crescere, sbizzarrire e godersi un nuovo giovane Balde.

Pubblicato il 4/02