Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, Podavini sicuro: "Guendouzi ricorda Gullit, ma senza Milinkovic..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 23 febbraio 2024, 19:15News
di Andrea Castellano
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, Podavini sicuro: "Guendouzi ricorda Gullit, ma senza Milinkovic..."

La Lazio è tornata a vincere contro il Torino dopo la brutta batosta subita contro il Bologna. La squadra di Sarri ha guadagnato tre punti fondamentali in chiave Champions League. Ai microfoni di Radio Olympia, Gabriele Podavini, ex calciatore biancoceleste, ha detto la sua sulla formazione capitolina, soffermandosi sulla prestazione di ieri sera. Di seguito le sue dichiarazioni.

“Ieri partita sofferta nel primo tempo, l’uno-due nella ripresa ha cambiato la partita. Provedel è sempre una garanzia, purtroppo quando il portiere commette un errore salta subito all’occhio. Mi è piaciuto molto Guendouzi, è veramente un’ira di Dio, un Gullit un miniatura per la capigliatura e il modo di muoversi. Mi è piaciuta la compattezza della squadra, Gila ha fatto una gran partita ma l’espulsione è stata un’ingenuità, non ha il freno a mano, diciamo così. Luis Alberto purtroppo fatica quando la squadra deve difendere e soffrire, ma quando la squadra è predisposta ad attaccare è sempre decisivo con le palle che sa servire ai compagni. Io avevo in squadra Beccalossi che aveva esattamente le stesse caratteristiche, grande giocatore che peccava in fase difensiva. Ma Luis Alberto quando ha la palla tra i piedi è uno che vorresti sempre in squadra”.

“Ai miei tempi nell’interpretazione del mio ruolo mi chiamavano fluidificante, perché da terzino spingevo parecchio. Lazzari è un giocatore che in fase offensiva è velocissimo ma ha i suoi limiti in fase difensiva, gli presterei volentieri il mio piede destro, qualche assist per fare gol sarebbe utile visto che guadagna il fondo con grande facilità. Marusic è un giocatore senza infamia e senza lode, c’è sempre e il suo 6 se lo guadagna ma giocare sulla sinistra senza essere mancino non è semplice, gli esterni devono arrivare sul fondo in velocità e crossare e così è più complicato".

"Hysaj forse è una nota dolente, sono sincero, non mi piace molto: in fase difensiva è lento e in fase offensiva non apporta granché, mentre Luca Pellegrini ha grande forza, si vede che vuole spaccare il mondo ma anche lui è un po’ troppo irruento in fase difensiva, si fa molto attrarre dalla palla. Purtroppo la partenza di Milinkovic-Savic ha fatto perdere molto potenziale offensivo, di testa in area non riusciamo più a prendere palla ed è un’assenza che si fa molto sentire".