Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, Mattei sicuro: "Il mercato è fumo negli occhi. Aspettiamo Lotito..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 13:15News
di Andrea Castellano
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, Mattei sicuro: "Il mercato è fumo negli occhi. Aspettiamo Lotito..."

Ai microfoni di Radiosei è intervenuto il giornalista di fede laziale Stefano Mattei, che ha parlato del calciomercato della Lazio e dell'ultima gara dell'Italia a Euro2024 contro la Spagna. Queste le sue dichiarazioni in merito: “Aspettiamo le realtà di Lotito, i veri nomi che arriveranno alla Lazio. La Lazio non spenderà la cifra richiesta dal Manchester per Greenwood, poi magari sarà detto che si è tentato di prenderlo. Non capisco perché o si punta su giocatori semi-sconosciuti a cifre iperboliche quando poi per quelli bravi non ci siano tentativi. Mi sembra ci sia la volontà di gettare fumo negli occhi”.

“Ho notato troppa enfasi dopo la vittoria dell’Italia contro l’Albania. Ho sempre detto di aspettare test più probanti ed abbiamo visto il reale livello della nazionale. Il risveglio è stato brusco, c’è stato un complesso di impotenza, l’Italia non ha mai tirato in porta mentre la Spagna ha collezionato 14 occasioni da gol. Numeri che vanno tenuti in considerazione anche nell’ottica della gara decisiva con la Croazia. In caso di sconfitta potrebbe esserci anche la beffa quarto posto nel caso in cui l’Albania battesse la Spagna già qualificata. Spalletti ha poche responsabilità, i tecnici non possono fare miracoli se non hanno un organico competitivo. L’Italia ha solo due stelle internazionali, Donnarumma e Barella. L’Italia appartiene a quella fascia media di nazionali che al massimo possono arrivare ai quarti di finale”.