Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Euro 2024
Italia, Zaccagni ancora non ci crede: "Questo è un gruppo bellissimo, merito di Spalletti"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 25 giugno 2024, 21:23Euro 2024
di Tommaso Bonan

Italia, Zaccagni ancora non ci crede: "Questo è un gruppo bellissimo, merito di Spalletti"

Il giorno dopo il primo gol in Nazionale e uno dei più importanti della sua carriera, in Mattia Zaccagni sono tante le emozioni della notte di Lipsia che continuano a vivere. E a fargli rendere conto di quello che è effettivamente successo al 98' di Croazia-Italia, ci pensano tanti contributi virali sui social. Uno dei più condivisi è l'incredibile somiglianza con il gol di Alessandro Del Piero nella semifinale del Mondiale 2006 a Dortmund contro la Germania, l'altro è l'esultanza del figlio Thiago, postato dalla moglie Chiara, nel rivedere papà segnare. "Il numero di messaggi ricevuti non lo so, ancora devo rispondere a molti - ammette l'esterno della Lazio in un'intervista a Vivo Azzurro TV -: ne scelgo uno: quello di mia moglie con il video che ha poi postato, in cui mio si sente mio figlio dire 'Ba Ba Ba' (sta imparando a dire 'papà', ndr). Ma me ne sono arrivati da amici, vecchi compagni, vecchi allenatori".

E anche da chi a Dortmund segnò quasi alla stessa maniera: "Con Alex Del Piero ci siamo sentiti stanotte. Era molto felice e molto contento per me, mi ha detto di continuare così. La dinamica del gol? Calafiori è stato bravo a portarsi la palla avanti, poi mi ha visto con la coda dell'occhio e mi ha dato la palla perfetta per calciare. Io non ci ho pensato due volte".


Dopo il gol, anche l'esultanza con sterzata, pure quella simile a quella di Del Piero nel luglio di 18 anni fa: "Volevo avvicinarmi il più possibile alla panchina, sono arrivato alla bandierina e sono stato sommerso da tutti. Spalletti è venuto subito da me, mi ha baciato e abbracciato: era troppo importante passare il turno come secondi del girone, è stata una serata bella per tutti, che mi porterò per sempre nel cuore".

Da una serata bella a un pomeriggio, quello di sabato, che l'Italia si augura sia altrettanto bello: "La forza del gruppo è importantissima in queste competizioni. Nei club magari è facile crearla perché c'è più tempo per stare insieme. Ma questo è un gruppo bellissimo, stiamo bene e il mister è stato bravo in tutto questo".