HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » lazio » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

Lazio, Lotito: "Lo Stadio delle Aquile morto per via dell'ostruzionismo"

06.12.2019 23:15 di Luca Bargellini    articolo letto 8108 volte
Lazio, Lotito: "Lo Stadio delle Aquile morto per via dell'ostruzionismo"
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Evento alla Luiss di Roma per il presidente della Lazio Claudio Lotito. Il numero uno dei biancocelesti è tornato a parlare del progetto dello "Stadio delle Aquile" proposto dal club capitolino nel lontano 2004 e più in generale ha affrontato il tema delle infrastrutture nel mondo della Serie A: "In Germania il Bayern Monaco riceve 80 milioni di diritti televisivi - si legge su LaLazioSiamoNoi - e tutto il resto riguarda incassi da merchandising e stadio per un totale di circa 700 milioni. In Italia abbiamo la situazione inversa. La prima idea che ho lanciato appena sono entrato nel calcio nel 2004 è stata quella dello stadio polifunzionale, ossia un impianto aperto 24 ore su 24, che avrebbe portato ricavi aggiuntivi a quelli dei biglietti e dei diritti tv. La Juventus con lo stadio nuovo è riuscita, grazie a una serie di iniziative, che io avrei voluto realizzare a Roma, a creare un centro commerciale, un indotto alternativo ai diritti televisivi, avendo dei ricavi esterni al mondo dei media. Il prodotto in Inghilterra ha più appeal anche perché ci sono stadi all'avanguardia che sono sempre pieni. Questo processo di fidelizzazione poi porta dei ricavi aggiuntivi alle società, grazie all'acquisto dei prodotti ufficiali. In Italia questo non esiste. Nel caso della Lazio l'affitto dello stadio costa 4 milioni all'anno e da imprenditore dico che non conviene. Meglio fare un investimento con un mutuo a 25 o 30 anni. Nel mio caso, io avevo un terreno sulla Tiberina, 550 ettari che mettevo a disposizione della società, veniva conferito gratuitamente. Avevo pronto un progetto dove era prevista la stazione ferroviaria interna, dentro lo stadio, lo svincolo autostradale, l'approdo col battello, nella direttiva di ingresso principale di Roma. Solo lo sponsor dello stadio avrebbe dato minimo 50-60 milioni. Però è stato fatto ostruzionismo, dicendo che Lotito voleva fare una speculazione perché volevo costruire delle case, dove non c'è nessuno, per coloro che avrebbero usufruito dello stadio. Poi sono stati posti dei vincoli idrogeologici, che sono superabili, il vincolo non è ostativo. Sono state tutte strumentalizzazioni per non farmi fare lo stadio. Oggi immaginate, se avessi fatto lo stadio nel 2005, con il ricavo dal comparto edilizio avrei ripagato l'impianto. E c'era l'indotto delle persone spinte ad andare nella zona dai proprio beniamini. Così facendo il tifoso si responsabilizza perché si sente parte integrante della sua squadra del cuore. In Italia non si è fatto niente di tutto ciò, creando una sperequazione con Inghilterra, Spagna e Germania. Il primo problema quindi è quello degli stadi".

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Lazio

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Lazio
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510