Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Serie A
Barbano (Corriere dello Sport): "E ancora una volta non resta che dire: 'Grazie, Ciro'"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 29 novembre 2023, 11:08Serie A
di Simone Lorini

Barbano (Corriere dello Sport): "E ancora una volta non resta che dire: 'Grazie, Ciro'"

Sulle pagine odierne del Corriere dello Sport Alessandro Barbano analizza il passaggio del turno centrato dalla Lazio di Sarri ieri, grazie al successo casalingo contro il Celtic Glasgow: "Se questa fosse la nuova primavera di Ciro, varrebbe più degli stessi ottavi di Champions, raggiunti ieri dopo il due a zero sul Celtic e la vittoria dell’Atletico Madrid con il Feyenoord a Rotterdam. Perché un attaccante da duecento gol, che torna a rivedere la porta come un bambino guarda la mamma, è un capitale prezioso per una Lazio che nelle ultime tre gare in campionato ha preso un punto e segnato un solo gol su rigore. E che, grazie al suo capitano, agguanta con le unghie una qualificazione preziosa quanto la speranza di salvare la stagione".
Immobile non siglava una doppietta dal 19 febbraio scorso a Salerno. In questo lunghissimo tempo di convalescenza la sua vena di realizzatore sembrava essersi esaurita. Ieri Ciro ha dimostrato che non è vero. Perché i due gol messi a segno non sono casuali, ma frutto del tempismo e dell’astuzia che hanno reso storico il suo repertorio di colpi da cannoniere. Vuol dire che alle soglie dei trentaquattro anni è possibile ritrovare la condizione agonistica e mentale del trascinatore.

Un segnale importante nel momento più difficile. Con una Lazio che sembra aver smarrito la maestà del palleggio e la velocità degli scambi che per anni, e nella stessa era sarriana, sono stati il suo elemento identitario.

La qualificazione è in queste condizioni un risultato che sopravanza le realistiche attese e offre al tecnico e alla squadra una boccata d’ossigeno. In attesa di recuperare il contributo di pedine preziose. È una Lazio fragile, che può accendersi con la fantasia di Zaccagni, l’ispirazione di Felipe Anderson, la guida di Luis Alberto e la velocità di Lazzari, ma basta che una di queste risorse venga meno e l’equilibrio complessivo vacilla. Un puntello lo ha messo ieri il grande capitano biancoceleste, ricordando a tutti che anche quando gira male, lui è in grado di risolvere i guai con due zampate da fuoriclasse. E ancora una volta non resta che dire: “Grazie, Ciro”.