Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / livorno / Calcio
Serie D. Livorno-Figline, le pagelle degli Amaranto
domenica 3 dicembre 2023, 23:40Calcio
di Gianluca Andreuccetti
per Amaranta.it

Serie D. Livorno-Figline, le pagelle degli Amaranto

Livorno – L’undici di Giancarlo Favarin manca abbastanza clamorosamente l’appuntamento con la terza vittoria casalinga del campionato, dopo quelle contro Sansepolcro e Cenaia: non è il caso di fare drammi, ma la squadra amaranto ha perso una ghiotta occasione per accorciare il distacco dalle squadre che la precedono in classifica.

Qui di seguito vi proponiamo le pagelle dell’incontro:

Albieri. Sfiora il pallone calciato dal dischetto da Torrini e, per il resto, è impegnato più dai suoi compagni di squadra che dagli avversari. Voto: 6.

Ronchi. Suo il fallo da cui scaturisce il calcio di rigore, che porta al pareggio del Figline: nell’episodio è ingenuo, ma anche sfortunato. Voto: 5.

Brenna. Di gran lunga il migliore del reparto difensivo anche quando, con Luci in panchina, ci si aspetterebbe che tornasse a vestire la fascia da capitano: è protagonista di uno spettacolare coast to coast, che si conclude con il colpo di testa di Cesarini, ottimamente respinto dal portiere ospite. Voto: 6,5.  

Savshak. Schierato come centrale di sinistra, convince meno rispetto a quando è stato schierato come centrale di destra. Voto: 5,5.

(10’ st Fancelli. Senza infamia e senza lode, non spicca per rendimento come in altre recenti occasioni. Voto: 6).

Camara. In avvio di partita, una sua discesa sulla destra porta a un colpo di testa che va a stamparsi sulla traversa: nel resto dei 90 minuti, produce poco altro. Voto: 5,5.  

Bellini. Quattordici giornate di campionato e quattordici partite giocate dall’inizio, forse è arrivato il momento di tirare un po’ il fiato anche per chi, come lui, ha sempre spinto la carretta. Voto: 5,5.

Tanasa. Frangiflutti davanti alla difesa, è il vertice alto di un rombo difensivo che prevede Ronchi vertice basso, Brenna vertice destro e Savshak vertice sinistro: con la sua uscita dal campo, il Livorno arretra e il Figline prende coraggio. Sarebbe bello rigiocare la partita con il romeno in campo per 90 minuti. Voto: 6.

(21’ st Luci. Entra in campo quando l’inerzia della partita è già cambiata e non riesce a non far rimpiangere Tanasa. Voto: 5,5).

Nardi. Il gol di Luis Henrique nasce da un suo tiro respinto dalla difesa del Figline, ma anche lui è un gradino sotto rispetto al giocatore capace di aggiudicarsi il premio di miglior giocatore amaranto del mese di novembre. Voto: 6,5.

(18’ st Sabattini. Tanta buona volontà, ma non riesce ad alzare il baricentro della squadra. Voto: 5,5).

Curcio. Comprensibilmente a corto di preparazione, soffre più di altri le tante partite ravvicinate: con la sua uscita dal campo, gli amaranto perdono quantità e, soprattutto, qualità. Voto: 6.

(10’ st Brisciani. Entra in campo, per ammissione di Favarin, per consentire a Curcio di respirare, ma, con lui in campo, diminuiscono le preoccupazioni del Figline in merito alla fase offensiva degli amaranto. Voto: 5,5).

Luis Henrique. Quando un attaccante va in gol, ha sempre ragione anche quando fa molto poco altro oltre la rete. Voto: 6

(33’ st Mutton. Entra senza incidere: forse ci sarebbe stato bisogno di Giordani. Voto: 5,5).

Cesarini. Le occasioni più pericolose per il Livorno nascono da un paio di suoi colpi di testa: uno va a stamparsi sulla traversa, mentre l’altro è ottimamente respinto da Pagnini; in alcune occasioni, tuttavia, indispettisce lo spettatore per quanto è egoista. Voto: 6.

All.: G. Favarin. La partita di oggi chiude idealmente un ciclo di 7 partite in 22 giorni, che ha tenuto impegnati gli amaranto dal 12 novembre a oggi. Forse stanca per i tanti impegni ravvicinati o forse distratta dalle polemiche che hanno caratterizzato la seconda parte della settimana in casa amaranto, la squadra appare compassata e incapace di produrre gioco con continuità: il Mister prova in tutti i modi a cambiare l’inerzia dell’incontro, ma i suoi cambi non incidono. Pesa l’occasione persa, ma, da oggi in poi, il tecnico degli amaranto potrà pensare a una sola partita alla settimana, salvo qualche rara eccezione. Voto: 5,5.

Le pagelle del Figline

Figline (4-3-3): Pagnini 7,5; Zellini 6,5 (39' st Iaunese sv), Sabatini 6, Ficini 6, Orpelli 6,5; Dema 6, Torrini 6,5, Cavaciocchi 6; Caggianese 7, Diarra 6,5, Zhupa 6 (19' st Malpaganti 6). A disp.: Simoni; Banchelli, Berti, Fiore, Bonavita, Albiani, Galli. All.: S. Tronconi 6,5