Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Fenucci: "Chi crea debito altera l'equa competizione. In passato altri club sono retrocessi al posto loro"
martedì 11 giugno 2024, 20:30News
di Francesco Finulli
per Milannews.it

Fenucci: "Chi crea debito altera l'equa competizione. In passato altri club sono retrocessi al posto loro"

Come riportata da Calcio&Finanza oggi l'amministratore delegato del Bologna Claudio Fenucci è intervenuto in Senato a margine degli incontri sulla riforma per il calcio. Questo un estratto delle sue dichiarazioni: "Complesso identificare sistema di controlli perché siamo legati a quelli della UEFA, su cui è andata a rilento anche su spinta dei grandi club che malvedono le restrizioni sugli investimenti a livello europeo quindi la UEFA ha tardato ad introdurre meccanismi di controllo. La capacità di non essere sostenibili si riflette in un dato: le leghe USA pagano tra il 43% e il 45% dei propri ricavi ai tesserati portando in equilibrio l’intero sistema, l’Italia invece paga il 65%. Siamo più scarsi degli altri? Non credo, siamo solo più in difficoltà degli altri a reggere la competizione. Noi viviamo in un ambiente competitivo che non è solo italiano, i grandi ricavi da diritti tv saranno sulle coppe europee e se non saremo competitivi lì faremo fatica a rimanere agganciati al treno del calcio professionistico di vertice. Per questo ogni sistema di controllo, giustissimo, deve essere armonizzato con quelli della UEFA. È lì che si deve lavorare per restringere sempre di più".

Fenucci ha continuato: "Noi possiamo fare qualcosa per rendere alcuni parametri delle licenze nazionali più rigidi. Considerate che chi crea debito, anche se ha la possibilità di farlo ma non si sa se lo potrà ripagare nella stagione future, nel momento in cui utilizza risorse che non ha altera l’equa competizione. Non è solo un tema di solvibilità ma anche della tutela dell’equa competizione. Ci sono stati club che hanno avuto difficoltà economiche e che hanno avuto transazioni con l’Agenzia delle Entrate sulle imposte, ma nel passato magari alcuni altri club sono retrocessi al posto loro. Non può più durare, non è più possibile che chi non abbia risorse possa competere sul mercato. È un tema che ci sta molto a cuore e che possiamo affrontare in sede UEFA per le licenze ma armonizzandolo con un sistema interno più rigido a garanzia dell’equa competizione tra i club oltre al tema della solvibilità che è però più complesso da affrontare"