Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Serie A
Sottil ha ritrovato la sua Udinese, così il futuro è più che luminosoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 marzo 2023, 08:00Serie A
di Davide Marchiol

Sottil ha ritrovato la sua Udinese, così il futuro è più che luminoso

Sembra essere finalmente alle spalle il periodo negativo per l’Udinese, che aveva trovato in diciassette giornate, dalla nona alla venticinquesima giornata, una sola vittoria, in quel di Marassi contro la Sampdoria. A livello prestativo i bianconeri hanno quasi sempre, tranne rare eccezioni, portato sul campo le loro qualità, creando e segnando gol. Non sembrava però più esserci quella cura nei dettagli che il tecnico Andrea Sottil aveva portato in avvio di campionato e che aveva permesso alle zebrette di trovare sei vittorie consecutive che avevano stupito tutt’Italia. Si iniziava anche a temere e rumoreggiare che il mister avesse perso un po’ il timone, vedendo troppi errori molto banali.

Il culmine lo si è toccato in Udinese-Spezia, dove uno dei soliti errori difensivi ha permesso a Nzola di sbloccare subito il match in favore dei liguri. Come sempre però i friulani non hanno rinunciato al loro gioco, riuscendo a ribaltare il risultato. Al 72’ il disastro: calcio d’angolo in favore dei bianconeri, la palla la recuperano i liguri, nessun giocatore di casa riesce a fermare l’azione e di nuovo Nzola pareggia. Un’azione che ha fatto infuriare Sottil, che forse proprio lì è riuscito a recuperare il polso della situazione, con una sfuriata che con tutta probabilità è stata replicata anche in spogliatoio: “Mi sono stufato di prendere certi gol, perchè poi si rischia di prendere in giro tifosi e addetti ai lavori. (…) mi sono stufato di regalare gol agli avversari. Sassuolo, Verona, oggi, gare in cui abbiamo creato tantissimo concedendo gol banali”.


Parole che hanno sortito effetto. Le zebrette si sono ricompattate, tornando a fornire prestazioni dal sapore agostano e settembrino. A Bergamo contro l’Atalanta di Gasperini la difesa ha retto l’urto, mentre sono arrivate due vittorie contro Empoli e Milan, che hanno permesso all’Udinese anche di ritrovare l’ottavo posto dopo lo scivolamento verso l’undicesimo. L’obiettivo societario è chiaro, si vuole arrivare nella metà sinistra della classifica, che da troppo tempo manca ai friulani. Con questo spirito, con questa attenzione e con il giusto utilizzo del talento a disposizione (fattore quest’ultimo mai in discussione) Sottil riuscirà nell’impresa e un rinnovo che sembra scontato diventerà aritmetico, come affermato dal dt Pierpaolo Marino: "Per la verità Sottil ha fatto un grandissimo lavoro al primo anno di Serie A, conosce il contesto, è amato da tutti e con lui c’è sintonia totale. Io non vedo motivi per cui la società non debba esercitare l’opzione. I tifosi possono stare tranquilli".