Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Editoriale
L’Inter può arrivare a 100 punti. Con le mani sullo scudetto i nerazzurri possono spendere più energie in Champions. Milan-Atalanta e un rigore che fa discutere. Juve, devi blindare Vlahovic. Galliani e Corsi, quando il calcio è competenzaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 26 febbraio 2024, 13:18Editoriale
di Luca Calamai

L’Inter può arrivare a 100 punti. Con le mani sullo scudetto i nerazzurri possono spendere più energie in Champions. Milan-Atalanta e un rigore che fa discutere. Juve, devi blindare Vlahovic. Galliani e Corsi, quando il calcio è competenza

Inter, sempre Inter. Micidiale, a tratti devastante. E’ difficile trovare nuovi aggettivi per celebrare la squadra di Simone Inzaghi. Con le abituali magie di Lautaro i nerazzurri travolgono il Lecce e consolidano il vantaggio in classifica. L’Inter ha lo scudetto in pugno e può dare l’assalto ai cento punti in campionato. Inzaghi ha creato un progetto tattico che ormai viene proposto a memoria dal gruppo squadra. Un giusto cocktail di qualità e concretezza. Alla banda Inzaghi basta premere sull’acceleratore per spaccare le partite. Un’Inter così lanciata in campionato potrebbe permettersi il lusso di spendere più energie in Champions. Magari con un turnover studiato. Per carità, nell’Europa che conta non esistono sfide banali. E anche contro l’Atletico Madrid di Simeone ci sarà da soffrire nella partita di ritorno.

Ma, almeno sulla carta, Lautaro e compagni se la possono giuocare con tutti. Questa Inter può salire sul tetto della Chamòpions.
Con qualche brivido riparte anche la Juve. Decisivi i due gol di un ritrovato Vlahovic. Sappiamo che a giugno il direttore Giuntoli sarà chiamato a ridisegnare il progetto sportivo. Ballano in tanti, Allegri compreso. Il problema del direttore è quello di trovare i soldi da investire su talenti buoni per il presente e fondamentali per il futuro. E’ chiaro che vista la deludente stagione di Chiesa l’unico bianconero che può garantire un pacchetto di euro è Dusan. Tra l’altro anche in condizioni non ottimali il fuoriclasse serbi sta segnando valanghe di gol. La speranza è che Giuntoli riesca ad inventarsi qualcosa di diverso. Tenere Vlahovic sarebbe fondamentale per tornare a lottare per lo scudetto e per riproporsi nella maniera giusta in Champions. Non sarà una sfida facile ma Giuntoli deve provarci. Milan-Atalanta e un rigore che fa discutere. Intanto la società bianconera ha ritrovato il talento Rugani dopo anni di presenze marginali. E’ stato lui a segnare il gol decisivo contro il Frosinone.


Milan-Atalanta finisce 1 a 1. Nel dopo partita ad accendere il dibattito è stato il rigore concesso da Orsato (con la chiamata del Var) per un contatto Giraud-Holm. Decisione controversa. Destinata ad accendere nuove polemiche. Non è un campionato semplice per il designatore Rocchi e per la sua squadra. Comunque Milan e Atalanta hanno tutte le carte in regola per conquistare un posto in Champions. Posto che invece può scappare di mano a un Napoli che continua a deludere. Non bastano neppure i gol di Osimhen a rilanciare i Campioni d’Italia.
Chiudiamo con un applauso ad Adriano Galliani e Fabrizio Corsi. Due grandi dirigenti capaci di esaltare al massimo il valore dei club che dirigono. Il Monza è arrivato addirittura ai margini della zona Coppe grazie alle idee di un allenatore emergente come Palladino e di un gruppo pieno di qualità. L’abilità di Galliani ha permesso al Monza di continuare a crescere nonostante la scomparsa di Silvio Berlusconi. Una grande impresa. Ancor più clamoroso il momento di un Empoli che con Nicola alla guida viaggia alla media di due punti a gara. Altro che squadra rassegnata alla retrocessione. Il presidente Corsi non sbaglia un colpo. Nel mercato invernale, solo per citare l’ultima geniale intuizione, ha venduto a peso d’oro il gioiello Baldanzi, che ormai aveva perso le giuste motivazioni e ha puntato su Niang che segna a ripetizione. Galliani e Corsi, quando il calcio è competenza.