Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / milan / Serie A
TMW - Marotta: "Skriniar? Il successo di un club non dipende da una persona, ma sono ottimista"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 16 novembre 2022, 19:58Serie A
di Ivan Cardia
tmw

Marotta: "Skriniar? Il successo di un club non dipende da una persona, ma sono ottimista"

Raggiunto a margine della presentazione dell'ultimo libro di Marco Bellinazzo, Beppe Marotta ha fatto il punto sulla trattativa per il rinnovo di contratto fra l'Inter e Milan Skriniar: "Credo che il successo di una squadra non dipenda mai da una persona. Nei confronti di Milan c'è grande rispetto, parliamo con un professionista di grande valore e abbiamo avviato da tempo una negoziazione. Ci sono altri giocatori in scadenza di contratto, tutti meriterebbero di essere confermati ma le logiche aziendali purtroppo non ce lo consentono. Per quanto riguarda Skriniar sono ottimista".

Ha detto che non si può portare un calciatore a due anni dalla scadenza di contratto. A Skriniar mancano pochi mesi…
"
È un modello di riferimento che vede l'Italia penalizzata nel contesto europeo. Questo non significa che i calciatori bravi non vadano riconfermati o non gli si debba rinnovare il contratto. Dico che è cambiato lo scenario di riferimento rispetto a inizio anni 2000, quando il campionato italiano era molto appetibile all'estero mentre oggi è un campionato di transizione".

Senza Italia chi tiferà ai Mondiali?
"Faccio il tifo per il bel calcio, spero che ci siano tanti spot positivi, pieni di valore e spettacolo. La gente vuole divertirsi, gioire e vedere cose belle".

Malagò nelle sue intercettazioni ha definito "tutti delinquenti" i dirigenti del calcio. Un commento?
"No, è un tema che non conosco".