Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Editoriale
Le grandi manovre di Milan e Juve, i passi del Toro, la Lazio e i difensoriTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 7 luglio 2022, 07:20Editoriale
di Luca Marchetti

Le grandi manovre di Milan e Juve, i passi del Toro, la Lazio e i difensori

Lo avevamo detto: se giugno è stato il mese in cui l’Inter ha provato a dare lo strappo, luglio sarebbe stato il mese di Milan e Juve. E così è. Infatti mentre all’Inter aspettano ancora un rilancio da parte del PSG (o del Chelsea) per Skriniar, Juve e Milan cominciano a muovere le loro pedine.
Cominciamo dai bianconeri: in arrivo, fra poche ore, Di Maria. Pronto per le visite mediche di venerdì. Poi toccherà a Pogba, sabato, a fare le visite. E la Juve piazza due colpi che ridisegnano profondamente la fisionomia della squadra. Ma non è finita qui perché a prescindere la Juve avrebbe la volontà di cesellare la sua rosa, togliendo quei giocatori che centrali non sono e provare a mettere dentro qualcosa di più funzionale. E tutti questi ragionamenti potrebbero essere ancora più importanti dovesse arrivare l’offerta buona per De Ligt.

La Juve non vuole cederlo: se dovesse farlo vorrebbe solo soldi e tanti. Magari non la clausola, ma comunque lì vicino. Se dovessero arrivare la Juve vuole farsi trovare pronta e quindi comincia a tessere le sue trame: incontro a Milano con l’agente di Koulibaly e Milenkovic. Nessuna delle due è una trattativa semplice, soprattutto quella per KK, anche (e non solo) per questioni ambientali. Ma l’interesse c’è, senza dubbio. Così come c’è quello per Zaniolo. Dopo la visita a Trigoria ora l’incontro con la Juve. Non c’è nessuna spola, di indicazioni o meno per poter portare avanti la trattativa. Anche qui: il giocatore piace eccome. Le intenzioni della Roma sono note: soldi e niente contropartite. Per ora la Juve non ha fatto alcuna offerta. Ma il fatto che continui a ragionarci. Contrariamente a quanto si poteva pensare non si è parlato di Morata, almeno nell’incontro di oggi.

Il Milan punta invece ora sulla trequarti: oggi incontro con gli agenti di De Ketelaer. Il Milan vuole bloccare il giocatore e una volta che arriverà il sì definitivo per il rossonero si andrà a trattare con il Bruges in una posizione di forza, anche se servirà il rilancio. E non molla la pista Zyiech, che è in uscita dal Chelsea per il quale si sta discutendo la formula perché il prestito prevede dei vantaggi e l’acquisizione a titolo definitivo altri (con chiaramente i rovesci della medaglia): situazione complessa ma non impossibile. Come quella di Renato Sanches per cui il Milan oggi è molto più fiducioso di una settimana fa, visto che la morsa del PSG si è allentata. Oggi a Milano inoltre incontro anche con gli agenti di Tanganga il difensore classe ’99 del Tottenham si è infortunato lo scorso febbraio e ha voglia di avere spazio e giocare. Ma in mezzo a tante chiacchiere un fatto: Messias sarà riscattato e ora non c’è neanche un dubbio: 4.5 milioni di euro più bonus il costo dell’operazione.
Se Kolulibaly dovesse davvero lasciare il Napoli (Juventus o altro) il Napoli avrebbe puntato Kim del Fenerbhace (ma occhio al Rennes, il cui allenatore Genesio lo ha già avuto al Bejing) e rimane un obiettivo anche Hincapié. Un’altra opportunità potrebbe essere Milenkovic.
A proposito di difensori la Lazio ha chiuso per Casale (10 mln bonus compresi). Alla fine l’inserimento del Monza non è riuscito a scalfire il patto con la Lazio. Nelle prossime ore visite mediche. Visite che ancora non ha completato Gila, nonostante l’accordo con il Real sulla base di 6 milioni di euro. Resta sullo sfondo Romagnoli: previsto un altro incontro con l’agente domani.
Per la porta il nome forte è Maximiano.
Su Dodo e Fiorentina c’è ancora distanza e il club deve liberare un secondo posto da extracomunitario perciò non c’è alcuna fretta di chiudere l’operazione. Se Milenkovic dovesse partire, il sostituto potrebbe essere Marlon (anche lui extracomunitario). Si comincia a muovere con decisione anche il Torino: per Solet c’è l’apertura del Salisburgo (nonostante una richiesta alta da circa 15 milioni di euro). Interessa Filippo Ranocchia (della Juve) e queste sono le ore giuste per sbloccare Laurentié del Lorient. Ma soprattutto oggi è arrivato un giocatore: è fatta per Radonjic che arriva dal Marsiglia ma che lo scorso anno giocava al Benfica. Previsto per domani un nuovo incontro con lo Spezia per parlare di Maggiore. La Samp non molla Esposito ma si incontrerà con il Parma per chiudere il trasferimento di Grassi e pensa a Keita (sarebbe un ritorno) come obiettivo in attacco. La Salernitana ha chiuso per Pirola e vorrebbe far tornare Verdi. Il Monza per un giorno non è protagonista assoluto! Presentazione di Pessina e giusto per non perdere l’allenamento ha rifinito l’arrivo di Birindelli.